CALCIO

Serie A. Zeman senza peli sulla lingua parla di futuro e... Balotelli: «non è razzismo»

L'ex tecnico del Pescara: «Balotelli condannato per gli atteggiamenti»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6225






ROMA. Intercettato dai cronisti sulle tribune del Foro Italico per seguire gli internazionali di Roma di tennis, Zdenek Zeman ha parlato del presente, del suo futuro e di tutto ciò che riguarda l'attuale momento del calcio italiano. Tra gli argomenti di maggiore interesse degli ultimi giorni c'è sicuramente il razzismo, con i noti e fastidiosi ululati del pubblico romanista verso Mario Balotelli nell'ultimo Milan-Roma. Zeman, come suo costume, è uscito fuori dal coro ed ha criticato senza giri di parole il calciatore del Milan, reo di atteggiamenti provocatori e spesso sopra le righe: «il discorso su Balotelli è strano. Non se la prendono con lui perché ha un colore della pelle diverso ma per i suoi atteggiamenti. Se fischiano Totti in tutti gli stadi e lo offendono è la stessa cosa. Basti pensare che altri giocatori di colore del Milan non vengono mai trattati allo stesso modo. Se ti comporti bene non succede nulla...».
Sul futuro e sulla possibilità di allenare ad alti livelli anche nella prossima stagione: «io vorrei ancora fare, poi bisogna vedere chi crede ancora in me. Io ho tanta voglia e basta, poi vedremo».
Ed il futuro di Zeman potrebbe nuovamente dipingersi di biancazzurro, col patron Daniele Sebastiani che cercherà in tutti i modi di convincerlo al ritorno dopo la storica promozione dell'anno scorso. Il contratto con la Roma non è un problema. Più difficile è convincere il boemo con un progetto che possa coniugare abilmente ambizioni e possibilità. Tutto starà dunque nel solleticare la fantasia di Zeman, abituato ai ritorni (prima a Foggia e poi a Roma, ndr).

IERI IL PESCARA HA VINTO IN AMICHEVOLE 4-1 AD AVEZZANO
La squadra nel frattempo ieri ha giocato un'amichevole allo stadio Dei Marsi con l'Avezzano in vista dell'ultima giornata di campionato domenica con la Fiorentina. Risultato finale 4-1 per i biancazzurri con le reti di Celik e Bjarnason nel primo tempo, doppietta Quintero e gol per i biancoverdi di Paolini nella ripresa.
Nel primo tempo Pescara in campo con: Perin, Zauri, Cosic, Capuano, Bocchetti, Togni, Blasi, Rizzo, Bjarnason, Celik e Sforzini.
Nella ripresa spazio a Falso, Vittiglio, Zanon, Mbodj, Karkalis, Cascione (Balzano), Iannascoli, Cherubini, Quintero, Catalano e Mancini. Assente Di Francesco perché impegnato con la Nazionale Under 19. Balzano salterà la gara con la Fiorentina per squalifica.
Oggi allenamento alle ore 16,00 al centro sportivo Vestina di Montesilvano.

Andrea Sacchini