IN TV

Littizzetto: Letta e i ministri in abbazia: «non era meglio andare a Lourdes?»

Su Berlusconi: «è lui che perseguita i magistrati»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4931





TELEVISIONE. «Giuliano Amato è come la perdita sul soffitto: ogni tanto ritorna… tu pensavi di averla tolta e invece poi rispunta».
Così nella puntata di domenica Luciana Littizzetto ha commentato la partecipazione al programma Che Tempo che fa di Amato. Poi si è concentrata sul nuovo governo Letta in ritiro in un’abbazia vicino Siena per «fare spogliatoio».
«Visto come siamo messi, non potevano andare direttamente a Lourdes?» si è chiesta Luciana Littizzetto. «Volevo sapere se ognuno avrà una cella diversa come in galera. Che pigiami avranno? Letta quello si sagrestano e la Nunzia De Girolamo si è messa un baby doll “in piume di lontra”?
Poi la comica torinese è passata alle dichiarazioni di papa Bergoglio alle suore durante il Convegno Internazionale delle Superiore ha affermato: «Siate madri e non zitelle».
«Quello che la monaca di Monza ha sperato di sentirsi dire tutta la vita, pensa che le suore carmelitane hanno già detto che non saranno più scalze ma metteranno il decolleté a mezzo tacco», ha detto Littizzetto. E poi la chiusura su Berlusconi: «E’ di terracotta, non è fondotinta, si sta facendo un guscio di terracotta, e da lì scapperà. Quando lo prenderanno troveranno solo il guscio, lui sarà già scappato a Santo Domingo. Comunque continua a fare processi, c'è proprio una persecuzione: sua nei confronti della magistratura, non ne possono più!»