SERIE B

Virtus Lanciano. Gautieri sfida la capolista Sassuolo: «una vittoria e siamo salvi»

Ai frentani servono 2-3 punti per conquistare la salvezza senza play-out

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2971




LANCIANO. Malgrado le dichiarazioni del tecnico Carmine Gautieri nelle ultime settimane, è oramai tempo di calcoli in casa Virtus Lanciano in vista del finale di campionato. Con 2 gare dal termine della stagione regolare, ai frentani occorrono altri 2-3 punti per blindare il proprio piazzamento fuori dalla zona play-out. Con la Reggina che con ogni probabilità effettuerà il sorpasso a breve visto l'eccessiva facilità del calendario (Grosseto e Vicenza, una già retrocessa e l'altra ad un nulla dalla C, ndr), c'è da fare la corsa su Ascoli e Cittadella. La prima vive una situazione ambientale tutt'altro che tranquilla e domenica a Terni si gioca gran parte del proprio campionato priva di diversi elementi importanti: bomber Zaza su tutti. Il Cittadella invece ha visto una settimana dopo l'altra peggiorare la propria posizione in classifica e sabato farà visita ad un Empoli che, per forza di cose, dovrà vincere per non perdere contatto dal trio di testa composto da Sassuolo, Verona e Livorno. Per uno strano scherzo del destino poi l'ultima giornata vedrà di fronte Ascoli e Cittadella, ragion per cui alla Virtus una vittoria basterebbe ampiamente per conquistare la salvezza. In caso di sconfitte sabato di Ascoli e Cittadella potrebbero essere sufficienti anche solo 2 punti con Sassuolo e Novara.
Proprio sugli incroci importanti del calendario il tecnico dei frentani Carmine Gautieri è diplomatico: «dobbiamo pensare a noi stessi. Poi è chiaro che se viene qualche risultato a nostro favore non può che farci piacere. Però l'attenzione nostra è rivolta alla partita col Sassuolo. Abbiamo fatto tanti punti e fatto fin'ora qualcosa di straordinario, però manca l'ultimo sforzo».
Il pensiero ovviamente è tutto alla gara di sabato al Biondi col Sassuolo: «stiamo bene e non vediamo l'ora di scendere in campo. Sono queste le partite che tutti vorrebbero giocare. Pagherei di tasca mia per poter giocare. Ci saranno le giuste tensioni visto che affrontiamo una squadra che vuole la promozione. Noi con una vittoria saremmo salvi quindi andremo in campo per vincere».
«Loro sono completi in tutti i reparti» – prosegue Gautieri – «hanno elementi di valore assoluto come Boakye, Berardi, Pavoletti e tanti altri. Non cambieremo però il nostro modo di giocare e la nostra identità».
Ci sarà il tutto esaurito al Biondi: «sono 2 anni che sono qui a Lanciano e ci sono sempre stati vicini al di là del risultato. Il tutto esaurito non è una sorpresa. Andiamo in tanti i campi ma raramente ho sentito un tifo così caldo e passionale come qui. I nostri tifosi meritano la salvezza proprio come noi».

L'ASSEMBLEA DI LEGA HA RESO OPERATIVO ALL'UNANIMITA' IL SALARY CAP
Assemblea della Lega Serie B oggi a Milano incentrata sul tema del Salary Cap. All’unanimità le società hanno approvato le linee operative del provvedimento, che prevedono un tetto salariale individuale, a partire dai contratti stipulati dal 1 luglio 2013, di 150.000 euro nella parte fissa e una parte variabile, legata per il 50% ai risultati della squadra, di altri 150.000 euro.
L’Assemblea, in particolare, ha deciso di legare l’efficacia sanzionatoria del Salary Cap allo sforamento di un parametro già presente da tre stagioni sportive, il E/VP, cioè rapporto tra Emolumenti, del settore tecnico, e Valore della Produzione, di fatto un Salary Cap collettivo, attualmente fissato nel 60%.
“E’ una normativa che rafforza il nostro obiettivo – ha spiegato il presidente della Lega Serie B Andrea Abodi – cioè quello del risanamento, destinando le risorse provenienti dalla A alla stabilizzazione del sistema. Non impediamo al mercato di investire, ma piuttosto disincentiviamo la generazione di perdite”. Contestualmente l’Assemblea ha codificato tutti i parametri che rientrano nella cosiddetta parte variabile degli emolumenti.
Nella medesima Assemblea si è poi parlato della Fondazione per la Mutualità, che ha avviato il suo iter costitutivo e delle norme di iscrizione al campionato inserite nel Sistema Licenze. Passo avanti decisivo per il progetto di marketing associativo B Club, sull’individuazione dell’advisor, e sulla proposta di organizzazione di un summit delle leghe europee in Italia. Comunicato anche il via libera da parte della Figc circa la richiesta per l’utilizzo degli arbitri addizionali d’area, nel caso si disputino play off e play out.


Andrea Sacchini