SERIE B

Delfino Pescara. La Serie B è certa. Sebastiani sul futuro: «valuteremo senza fretta»

Ieri il 4-1 subito a Genova ha sancito la B matematica dei biancazzurri

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3484





PESCARA. La sconfitta pesante 4-1 in casa del Genoa ha certificato la retrocessione matematica in Serie B del Pescara. Una retrocessione senza ombra di dubbio annunciata, arrivata al termine di un girone di ritorno disastroso che ha messo in risalto i tanti, troppi errori societari da giugno in poi.
«Ironia della sorte salutiamo la Serie A nello stesso stadio dove l'abbiamo conquistata un anno fa» – ha dichiarato a fine gara il patron Daniele Sebastiani – «sono molto arrabbiato perché nella ripresa abbiamo fatto una partita bruttissima dopo un primo tempo discreto, macchiato dal solito errore arbitrale con tocco di mani di Borriello sul quale arbitro e giudici di linea non hanno visto nulla. A questo ormai siamo abituati quest'anno».
Con una retrocessione così netta ed amara, con i valori tecnici lontani anni luce dalle dirette concorrenti ed inevitabili strascichi polemici in vista del futuro, è chiaro che il Pescara che verrà dovrà essere quasi completamente rivoluzionato: «quando si esce da un'annata così brutta bisogna voltare pagina per bene. Bisognerà ripartire da chi ha veramente voglia di restare e di lottare per questa maglia. I giocatori anche ora dovrebbero fare la propria parte».
Sul nuovo tecnico: «Bucchi credo sia il meno colpevole di tutti in questa situazione. Per il futuro ha le stesse chance di altri essere il nuovo allenatore del Pescara. Sapremo tra qualche giorno qualcosa di più. Dobbiamo valutare attentamente il mercato, non ci faremo prendere dalla fretta che è sempre cattiva consigliera».
«Dovremo preparare un campionato di Serie B importante» – chiude Sebastiani, da pochi giorni confermato per la massima carica del club fino al 30 giugno 2014 – «e vedremo anche di allargare la base societaria, oltre che a guardare sin da subito giocatori che possono fare al caso del Pescara».


L'UNICO TIFOSO IN TRASFERTA. EMBLEMA DI UNA STAGIONE AMARA
Emblema di un pomeriggio amaro, l'ennesimo in questa stagione da incubo per i colori biancazzurri, l'unico tifoso pescarese presente nel settore ospiti dello stadio Ferraris di Genova

Andrea Sacchini