PESCARA CALCIO

Serie A. Zamparini: «monitorare le gare salvezza. Bucchi: «da noi massimo impegno»

Il tecnico biancazzurro: «Perin e Sculli non avranno condizionamenti»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2070






PESCARA. Allenamento di rifinitura per il Pescara che tra poche ore partirà alla volta di Genova per il match di domani con i rossoblù, con fischio d'inizio alle ore 15,00. Per uno strano scherzo del destino il match del Ferraris con ogni probabilità sancirà la matematica retrocessione in Serie B proprio lì dove un anno fa tutto cominciò, con la promozione nella massima divisione del Pescara di Zeman. Dalla stagione perfetta alla peggiore possibile in meno di 365 giorni, con i biancazzurri capaci nel girone di ritorno di racimolare solamente 2 punti.
Con i favori del pronostico abbondantemente dalla parte del Genoa e con la differenza di motivazioni tra le 2 squadre che potrebbe fare la differenza, il Pescara affronterà la gara col chiaro intento di fare uno “sgambetto” ai rossoblù, come dichiarato alla vigilia dal tecnico Christian Bucchi: «il nostro obbiettivo ormai è quello di diventare una squadra antipatica capace di fare sgambetti a squadre ancora in lotta per qualcosa. Giocheremo per toglierci delle soddisfazioni sia col Genoa sia col Milan (mercoledì ore 18,00). Quando ti diverti poi i risultati sono una conseguenza. Col Genoa bisogna essere tosti, motivati, ordinati e cattivi. Se diamo continuità di prestazioni attraverso il gioco è possibile che arrivino altri buoni risultati come il pareggio di Roma».
«Vedo una squadra che ha voglia di lottare» – prosegue l'allenatore del Pescara – «è ordinata in campo, ha stimoli e non si lamenta durante il lavoro in settimana. Ringrazio i ragazzi perché fin qui mi hanno sempre seguito e sono contento di quello che hanno dato».
Un grande rammarico è quello di non aver mai avuto la squadra a completa disposizione tra squalifiche e soprattutto infortuni a ripetizione: «mi è dispiaciuto il non poter lavorare praticamente mai con la rosa quasi al completo. Mi avrebbe fatto piacere avere più difficoltà nelle scelte ogni domenica, ma in settimana per colpa degli infortuni abbiamo perso sempre 2-3 giocatori. Ho avuto però sempre l'impressione di avere una squadra che lavora unita, tranne che nella gara di Parma dove mi sono preso le mie responsabilità».

ZAMPARINI CHIEDE DI MONITORARE LE SFIDE SALVEZZA E BUCCHI RISPONDE
Il patron Zamparini in un'intervista recente ha invitato la federazione a monitorare tutte le gare salvezza, per evitare risultati scontati e scarso impegno delle squadre ormai in lotta per nessun traguardo: «noi è ovvio che garantiremo il massimo impegno, come abbiamo già fatto con la Roma. Poi è chiaro che se il Genoa sarà più bravo e forte di noi vincerà la partita. Altre squadre coinvolte nella lotta è salvezza è legittimo che pensino a determinate cose, ma noi garantiamo il massimo impegno. In ogni caso ogni gara non è mai persa prima di iniziare a giocare».

GLI INFORTUNI “STRATEGICI” DI WEISS E QUINTERO
Weiss e Quintero da diverse settimane non vengono convocati dal tecnico Bucchi. Ufficialmente per infortunio ma in molti hanno sollevato sospetti circa la volontà da parte dei 2 giocatori di tirarsi fuori da questo finale di campionato: «non è vero, sono realmente infortunati. Devono recuperare dai rispettivi infortuni e non si sono tirati indietro. Non si rischia con la salute dei giocatori. Weiss ha un edema sulla gamba e sente parecchio dolore ogni volta che carica. È giusto che recuperi».

CONFLITTO DI INTERESSI
Dal primo minuto giocheranno Sculli e Perin. Il primo, bandiera del Genoa, è fortemente legato sia ai colori sia alla tifoseria rossoblù e non ha mai nascosto il desiderio di poter tornare al Marassi da calciatore. Il portiere, di proprietà del Genoa, difenderà invece i pali della porta biancazzurra al posto dell'infortunato Pelizzoli. Una situazione antipatica con il Genoa a caccia di 3 punti fondamentali per conquistare la salvezza a discapito di Palermo e Siena: «Perin e Sculli sono sicuro che non avranno condizionamenti. Vorranno fare bene per mettersi in mostra. Sono legati al Genoa ma anche io al Napoli ed avrei pagato di tasca mia per vincere quella gara. Perin deve fare il suo e lo farà anche perché vorrà farsi vedere da grandi squadre. Se poi il suo desiderio è voler rimanere 25 anni al Genoa questo è un altro discorso ma non penso sia così...».

PROBABILI FORMAZIONI
GENOA (4-3-1-2): Frey; Granqvist, Portanova, Manfredini, Antonelli; Rigoni, Matuzalem, Vargas; Bertolacci; Floro Flores, Borriello. A disposizione: Tzorvas, Donnarumma, Bovo, Pisano, Cassani, Moretti, Jorquera, Toszer, Nadarevic, Jankovic, Immobile. Allenatore: Ballardini.
PESCARA (4-2-3-1): Perin; Zanon, Capuano, Cosic, Balzano; Rizzo, Togni; Sculli, Cascione, Di Francesco; Sforzini. A disposizione: Falso, Zauri, Bianchi Arce, Bocchetti, Blasi, Bjarnason, Celik, Caraglio, Abbruscato, Vukusic, Catalano, Iannascoli. Allenatore: Bucchi-Nobili.
Andrea Sacchini