SERIE A

Delfino Pescara. Per la panchina il favorito resta Marino. Sebastiani: «nessuna rivoluzione»

Grana Vukusic. Il presidente dell'Hajduk contro il Pescara: «no rateizzazioni»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3542






PESCARA. Trascorrono le settimane e tutti gli indizi sembrano portare a Pasquale Marino come nuovo allenatore del Delfino targato 2013/2014. Bucchi fin'ora si è ben comportato alla guida del Pescara, ma la dirigenza sarebbe dell'idea di affidare la panchina ad un tecnico più esperto e navigato per la categoria. Ciò nonostante Marino venga da una serie di stagioni poco positive, che hanno in parte macchiato lo splendido lavoro fatto a Catania ed Udine. Marino resta comunque in ballottaggio con Giampaolo, De Canio e Torrente. Giampaolo, fortemente seguito tra le tante dal Brescia, già in questa stagione ha rifiutato l'offerta del patron Sebastiani e difficilmente verrà fatto un nuovo tentativo per lui. De Canio è il più “costoso” e non convince parte della dirigenza mentre Torrente, attuale allenatore del Bari, ha già fatto sapere che prima della salvezza dei galletti non siederà in nessun tavolo per le trattative.
Sicuramente ci saranno rivoluzioni nel parco giocatori, nonostante il patron Sebastiani a più riprese abbia smentito il tutto: «non smantelleremo l'organico. I migliori giocatori della rosa resteranno. Solo Weiss ha una clausola retrocessione. Quintero e Celik sono tutti del Pescara mentre abbiamo intenzione di riscattare Cosic e Bjarnason. Bisognerà risolvere con la Roma la comproprietà di Caprari, mentre Pelizzoli non verrà sicuramente ceduto, neanche in squadre di Serie A come il Napoli».
«Per quanto riguarda il mercato in arrivo» – chiude Sebastiani – «stiamo già monitorando il tutto ma non verranno giocatori in prestito secco».

ALTRA GRANA VUKUSIC. IL PRESIDENTE DELL'HAJDUK: «NO RATEIZZAZIONE»
Intanto i guai sembrano davvero non finire mai per il Pescara. Le brutte notizie degli ultimi giorni infatti non si sono fermate agli infortuni di Pelizzoli, Modesto e Caprari che hanno finito anzitempo la stagione. Il patron dell'Hajduk Spalato ha lamentato per l'ennesima volta il mancato pagamento da parte del Pescara di Ante Vukusic. Per il centravanti croato il club biancazzurro aveva chiesto una rateizzazione ulteriore del pagamento, come ha confermato il presidente dell'Hajduk: «non vogliamo arrivare davanti la FIFA, ma il Pescara deve rispettare l'accordo. Ci hanno proposto una rateizzazione ma noi non siamo d'accordo e vogliamo rispettare i patti precedentemente presi. Spero che il Pescara onori i suoi impegni e ci venga incontro.

NESSUNA NOVITÀ DAL CDA. SEBASTIANI RESTA PRESIDENTE
Martedì sera cda in seno al club biancazzurro. Nessuna sorpresa e cariche attuali confermate fino al 30 giugno 2014: Daniele Sebastiani presidente, Antonio Martino vicepresidente e Danilo Iannascoli Amministratore Delegato. Restano consiglieri d'amministrazione Alessandro Acciavatti, Gabriele Bankowski. Sciolto il nodo allenatore poi bisognerà pensare anche al nuovo Ds, con Delli Carri al passo d'addio nonostante le smentite di rito del patron Sebastiani. La volata è tra Lupo e Massara, con gli outsider Acri-Ruffini.
Oggi pomeriggio infine la squadra giocherà in amichevole a Popoli con calcio d'inizio alle ore 15,00.

Andrea Sacchini