CALCIO

2°Div/B. Il derby sorride al Chieti. Tra le polemiche espugnato 2-1 il Fattori di L'Aquila

Neroverdi trascinati da De Sousa. 3 espulsi per L'Aquila e arbitro scortato fuori

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1824




L'AQUILA. Il Chieti con una prestazione gagliarda e generosa espugna 2-1 L'Aquila e fa suo un derby caratterizzato dalle polemiche e da alcune discutibili scelte arbitrali. I gol tutti nella ripresa. Vantaggio dell'Aquila al 17esimo con Carcione. Pareggio e sorpasso griffato De Sousa al 35esimo e 41esimo minuto.
Padroni di casa che hanno chiuso addirittura in 8 l'incontro ed a fine partita l'arbitro Aversano di Treviso è stato scortato fuori dal campo dalle forze dell'ordine tra le vibranti proteste di giocatori e tifosi dell'Aquila.
Polemiche arbitrali a parte, i teatini che hanno avuto il grande merito di non disunirsi dopo il vantaggio aquilano. Momentaneo 1-0 che non ha demoralizzato il Chieti che ha avuto la grande forza di reagire e di ribaltare il punteggio fino al 2-1 finale. Ovviamente le espulsioni di Infantino, Testa e Carcione hanno pesantemente condizionato la contesa.
Per L'Aquila tanti rimpianti ed il futuro di Ianni in panchina sempre più in bilico. Aquilani che non vincono in campionato da ben 5 giornate e vedono il proprio piazzamento play-off sempre più in dubbio dagli attacchi di Chieti, Aprilia, Teramo e Poggibonsi. Chieti invece alle stelle con il terzo posto rafforzato grazie all'ottavo risultato utile consecutivo.
In avvio leggermente meglio L'Aquila. Al secondo calcio franco di Carcione che Cappa respinge non senza difficoltà. Al decimo Infantino ben imbeccato da un compagno di squadra da 2 passi pasticcia e cestina la ghiotta occasione.
Risposta neroverde al 20esimo con De Sousa, che di testa impegna severamente Testa.
La gara è molto tattica e bisogna arrivare addirittura al nono della ripresa per vedere un'altra emozione. Mungo da distanza considerevole non inquadra lo specchio della porta davvero di poco.
Al 17esimo il vantaggio dell'Aquila. Fa tutto Carcione che di prima intenzione controlla un pallone e da buona posizione fa secco Cappa. Il Chieti sbanda ed al 25esimo è salvato dal proprio estremo difensore che dice di no per ben 2 volte a 2 tentativi ravvicinati di Infantino.
Al 27esimo il primo episodio che in sostanza muta la gara: espulsione per doppia ammonizione all'aquilano Carcione.
Il Chieti spinge ed al 35esimo pareggia i conti col solito De Sousa. Splendida e precisa la conclusione all'angolino del centravanti teatino.
Passano 5 minuti e De Sousa fa il bis dal dischetto per fallo di mani di D'Amico in piena area di rigore. La decisione del direttore di gara manda su tutte le furie i rossoblù che restano in 9 per il rosso per proteste al portiere Testa. Nel finale di gara saltano ancora i nervi all'Aquila che resta in 8 per la terza espulsione di giornata ad Infantino. A fine gara proteste di giocatori e pubblico all'indirizzo del direttore di gara, scortato fuori dal campo grazie all'intervento delle forze dell'ordine.
Con questo successo il Chieti sale a quota 49 punti, a 5 punti dall'uscita dalla zona play-off. Nel prossimo turno impegno allo stadio Angelini contro la Vigor Lamezia. L'Aquila resta a 46 e domenica farà visita alla già spacciata Aversa Normanna.

TABELLINO
L'AQUILA (4-3-3): Testa; Pomante, Ingrosso, Ligorio, Gizzi; Agnello (18'st Cannoni), Carcione, Ciotola (28'st Andrea D'Amico); Infantino, Triarico, Improta (30'st Colussi). A disposizione: Gerosi, Petta, Ripa, Albanese. Allenatore: Ianni.
CHIETI (4-3-1-2): Cappa; Bigoni, Gandelli, Gigli (28'st Berardino), Pepe; Verna (18'st Rinaldi), Vitone, Del Pinto; Mungo (28'st Di Filippo); Alessandro, De Sousa. A disposizione: Savut, Cardinali, Rossi, Capogna. Allenatore: De Patre.
ARBITRO: Aversano della sezione di Treviso.

Andrea Sacchini