IL VIDEO

MORTE ALDROVANDI, COISP CONTRO TUTTI: «SENATORI E GIORNALISTI CI CHIEDANO SCUSA»

In un video le spiegazioni dei poliziotti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3158





IL VIDEO. «Il sindaco di Ferrara, alcuni politici e parlamentari, alcuni giornalisti che hanno cavalcato l'onda di una polemica clamorosa senza neppure verificare i fatti, devono chiedere scusa al Coisp».
Il sindacato di polizia in un video spiegare che il sit-in di alcuni giorni fa «non e' stato in alcun modo una provocazione nei confronti della madre di Federico Aldovrandi, per il cui dolore nutriamo un sacro rispetto».
Il Coisp spiega che la manifestazione era stata «regolarmente autorizzata, non si e' affatto tenuta sotto la finestra della signora Aldovrandi che, come ha chiarito lo stesso Questore di Ferrara, lavora da tutt'altra parte, bensi' in piazza Savonarola, un luogo di grande afflusso dal quale abbiamo voluto trasmettere un messaggio di solidarietà ai nostri colleghi e denunciare quella che riteniamo una palese errata applicazione della legge svuota carceri. Chi ha voluto far credere che stessimo manifestando sotto la finestra della mamma di Federico Aldrovandi?»
Per il Coisp è stato il sindaco di Ferrara, Tiziano Tagliani, che nel corso del sit in ha protestato con i poliziotti sostenendo che stessero «sotto l’ufficio di mamma Patrizia».
La signora su Facebook avrebbe confermato la stessa linea: «il gruppo Coisp manifesta sotto il mio ufficio la solidarietà ai responsabili dell’omicidio di mio figlio».
Secondo il Coisp in questo modo si sarebbe condannata la «nostra attività». «Perché il sindaco», chiede il Coisp, «non sa nemmeno dove la signora lavori mentre il Coisp, che non ha certo mai avuto tra i suoi pensieri la signora Aldrovandi, doveva per forza sapere che la stessa lavora in Comune? Perché si è arrivati a dire, sapendo di mentire, che il Coisp stava facendo un ‘sit in contro la madre per affermare una sorta di impunità dei poliziotti che commettono reati’, o ‘un corteo dalla madre del giovane ucciso’ e ‘una manifestazione minacciosa’, ‘un assedio a mamma Aldrovandi’?».