IL VIDEO

RUBY PROTESTA IN TRIBUNALE, «MAGISTRATI MOSSI NON DALLA GIUSTIZIA»

«Sono parte lesa di questa vicenda»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1560





MILANO. Ruby El Marough, la ragazza marocchina al centro della vicenda dei ''festini di Arcore'' ha manifestato giovedì mattina sui gradini del palazzo di giustizia di Milano dove ha chiesto di esser ascoltata dai magistrati.
«Non sono una prostituta, devono ascoltarmi. Per colpire Berlusconi la stampa ha fatto del male a me. Oggi ho capito che è in corso una guerra contro Berlusconi e io ne sono rimasta coinvolta, ma non voglio che la mia vita venga distrutta. Voglio essere ascoltata dai magistrati per dire la verità ha aggiunto ricordando di essere la parte lesa in questa vicenda».
«Ho subito un ennesimo episodio di intolleranza - ha chiarito la ragazza davanti a una ressa di telecamere e fotografi, leggendo un testo scritto ma senza rispondere alle domande dei cronisti - quando la domenica di Pasqua una persona guardando mia figlia ha detto 'spero che non diventi come sua madre'».

«C'é ancora tanta gente che mi guarda dall'alto in basso e trovo sconcertante che nessuno abbia voluto ascoltare la mia verità, l'unica verità possibile. Mi spiace aver raccontato queste bugie anche a Silvio Berlusconi il quale, oggi sono sicura, si sarebbe dimostrato rispettoso e disposto ad aiutarmi anche se avessi detto la verità. La colpa della mia sofferenza è anche di quei magistrati che, mossi da intenti che non corrispondono a valori di giustizia, mi hanno attribuito la qualifica di prostituta».