2°Div/B. L'Aquila non sa più vincere in casa: è solo 0-0 col Borgo a Buggiano

Rossoblù impalpabili nell'ultima mezz'ora: secondo posto ormai irraggiungibile

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1305




L'AQUILA. L'Aquila al Fattori non va oltre lo 0-0 casalingo con il Borgo a Buggiano e dice praticamente addio alle residue speranze di aggancio al secondo posto.
Ancora una volta i rossoblù devono rimandare l'appuntamento con i 3 punti tra le mura amiche, con L'Aquila che si dimostra più squadra da trasferta. Generoso l'undici di Ianni nel creare un buon numero di palle gol ma altrettanto impreciso e poco determinato nel capitalizzare quanto costruito.
Il Borgo a Buggiano, giunto in Abruzzo col chiaro intento di riportare a casa un punto prezioso per la propria classifica, si è difeso con ordine ed ha anche creato qualche pericolo alla porta difesa da Leuci. L'Aquila ha rischiato poco in difesa ma è chiaro che questo tipo di partite andrebbero affrontate con un pizzico in più di coraggio.
Il punto, che comunque muove la classifica, è comunque utile per mantenere la posizione più forte in zona play-off. Ormai svanite invece le speranze di riprendere la coppia di testa formata da Salernitana e Pontedera, che nello scontro diretto si sono divise un punto a testa. Pontedera dunque che mantiene sempre 7 lunghezze di vantaggio sugli abruzzesi. Troppe per sperare in un crollo improvviso di una delle 2 compagini che fin'ora hanno fatto vedere le cose migliori del raggruppamento.
Nel primo tempo possesso palla maggiore dei rossoblù che però non creano nulla di pericoloso eccezion fatta tentativi originati da calcio piazzato. Nella ripresa meglio L'Aquila fino al 20esimo, poi il Borgo a Buggiano ha tranquillamente difeso il risultato di partenza senza particolari difficoltà.
Nel primo tempo fasi iniziali di studio e poco sul taccuino. Al 17esimo ghiotta chance per i padroni di casa con Mucciante, che da 2 passi trova il salvataggio decisivo quasi sulla linea di un difensore toscano. Azione originata da un calcio d'angolo velenoso battuto direttamente in porta da Carcione e smanacciato da Tonti.
Al 25esimosugli sviluppi di un corner botta da fuori di Menicozzo e palla controllata da Tonti.
Prima del duplice fischio altro piazzato di Carcione toccato in area da Iannini che manda sul fondo di pochi centimetri.
Nella ripresa quasi solo rossoblù in campo. Al settimo bella conclusione di Iannini su corta respinta di Tonti e pallone alle stelle. Due minuti dopo bel suggerimento nel mezzo di Carcione per Ciotola che da buona posizione in precario equilibrio spara debole e sul fondo.
Passano 60 secondi ed abruzzesi ancora una volta pericolosi con Ciotola, che nel cuore dell'area di rigore non inquadra di un nulla lo specchio della porta.
Al 12esimo break dei toscani con Goncalves, che cestina una ghiotta occasione su evidente topica della retroguardia del capoluogo.
Al quarto d'ora direttamente su calcio di punizione Carcione sfiora il bersaglio grosso.
Succede poco o nulla nell'ultima mezz'ora, con il Borgo a Buggiano chiuso a testuggine in difesa a protezione dello 0-0. L'Aquila, stanca per gli sforzi profusi nella prima parte di gara, incapace di creare azioni degne di nota e gara che scivola fino al triplice fischio nella noia più assoluta.
Con questo punto i rossoblù sono saliti a quota 46 in classifica. Terzo posto difeso per un punto dall'Aprilia, corsara ieri a Poggibonsi. Domenica prossima trasferta sul campo del Melfi.

TABELLINO
L'AQUILA (4-3-3): Leuci; Rapisarda, Mucciante, Pomante, Ligorio; Carcione (33'st Colussi), Iannini, Menicozzo (1'st Agnello); Ripa, Improta, Ciotola (28'st D'Amico). A disposizione: Testa, Gizzi, Ingrosso, Albanese. Allenatore: Ianni.
BORGO A BUGGIANO (4-3-1-2): Tonti; Di Giusto (44'st Manganelli), Cecchi, Pastore, Garaffoni; Candiano, Nolè, Forte; Santini; Goncalves (35'st Settepassi), Fioretti (24'st Del Porto). A disposizione: Gaffino, Annoni, Llazzoni, Butini. Allenatore: Masi.
ARBITRO: Melidori della sezione di Frattamaggiore. Presenti sugli spalti circa 700 spettatori.
Andrea Sacchini