RICORRENZA

150 anni fa nasceva D’Annunzio, Pescara lo ricorda e lo festeggia

Eventi in città

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

12128




PESCARA. Il 12 marzoo del 1863 nasceva a Pescara il Vate Gabriele D’Annunzio.
La città lo festeggia con una settimana di eventi: si comincia proprio oggi con il convegno internazionale, ‘epocale’, all’Aurum, due giorni dedicati alla figura, all’arte, all’essenza stessa del poeta, riletto attraverso gli occhi dei maggiori studiosi mondiali dell’artista e dell’uomo. E poi l’annullo filatelico speciale in piazza Salotto, accompagnato dalle performance degli studenti del liceo artistico ‘Misticoni-Bellisario’, performance ispirate a d’Annunzio. Quindi l’inaugurazione della mostra ‘Quando l’Alba s’innammora’ presso Casa Natale d’Annunzio, con la visita guidata alle 12, e infine, l’omaggio al primo nato del 12 marzo, esattamente 150 anni dopo il Vate.
«La ‘Settimana dannunziana’ – ha ricordato il sindaco Albore Mascia – rientra ovviamente nella scelta ‘politica’ compiuta dalla mia amministrazione tesa alla valorizzazione della figura del Vate, di quell’uomo, quel poeta, quel letterato-soldato che sempre definisco come uno dei ‘figli più illustri’ di Pescara. Nel 2009 legare il nome di Pescara in maniera imprescindibile a d’Annunzio è stata una scommessa nata da un forte convincimento personale: per definire e determinare la nostra città infatti si è stati soliti, per lungo tempo, utilizzare degli aggettivi che in realtà potevano andare bene per Pescara come per qualunque altra città al mondo. Noi abbiamo invece cercato e scelto l’unicità del nostro capoluogo adriatico, una unicità che le deriva proprio dall’aver dato i natali a uno dei personaggi che il mondo più ci invidia, uno dei massimi rappresentanti della cultura internazionale che ha scritto alcune delle pagine più belle e straordinarie della nostra letteratura, e che pure la sua città non ha mai valorizzato a sufficienza».


Stamattina ci sarà il Convegno Internazionale di Studi ‘d’Annunzio 150’ che si svolgerà all’interno dell’Aurum. Il programma prevede l’apertura alle 9.30 con il Presidente della Fondazione ‘Il Vittoriale’, il professor Giordano Bruno Guerri e il sindaco Albore Mascia; quindi la parola al professor Giorgio Zanetti su ‘d’Annunzio scrittore’; Pietro Gibellini, dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, con ‘d’Annunzio e l’eterno fanciullo’; Raffaella Bertazzoli, dell’Università degli studi di Verona’, su ‘Il Paradigma dell’Antico in Pascoli e d’Annunzio: alcune riflessioni a margine’; Annamaria Andreoli, dell’Università degli studi della Basilicata, su ‘Gabriele d’Annunzio: dall’Abruzzo all’Europa’; Angelo Rupino, ‘Università degli studi di Napoli, con ‘d’Annunzio e il romanzo modernista’; Giorgio Zanetti, Università degli Studi di Modena, con ‘Iconologia della Vittoria mutilata’; Angelo Piero Cappello, Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Cracovia, su ‘Scrittore dell’io. Finzioni autobiografiche nell’ultimo d’Annunzio’. Si riprenderà alle 14.30 con Clelia Martignoni ‘Le faville del maglio’; Carla Riccardi, ‘Il diario del Notturno: genesi di un’arte nuova’; Gianni Oliva, ‘Da Umberto Bozzini a d’Annunzio: la guerra per la Fedra’. Alle 16.30 la Tavola Rotonda che vedrà la presenza di Ernesto Ferrero, Direttore del Salone Internazionale del Libro di Torino; Elisabetta Rasy, Massimo Onofri, Raffaele Manica e Giorgio Ficara”. 


Il pomeriggio si concluderà con la visita alla Casa Natale di d’Annunzio in corso Manthoné dove intanto già alle 12 sarà inaugurata la mostra ‘Quando l’alba s’innammora’ curata dalla Sovrintendente Lucia Arbace. La mostra vuole raccontare l’infanzia di d’Annunzio tra Pescara e Prato, ossia quella parte della sua vita che ancora è poco conosciuta, e di cui abbiamo notizie solo attraverso il racconto fantastico dello stesso Vate. «Per l’occasione», ha spiegato il sindaco, «abbiamo indetto anche il concorso ‘Fiocco d’Annunzio’, che vedrà la presenza di 30 esperte ricamatrici e artigiane del tombolo che realizzeranno i propri lavori e i visitatori della mostra avranno modo di esprimere il proprio voto per il fiocco più bello, un’iniziativa che abbiamo assunto per rispetto alla tradizione abruzzese più autentica».
Intanto alle 9 in punto Poste Italiane aprirà il proprio sportello mobile in piazza Salotto, attivo sino alle 21, per l’annullo filatelico speciale con il francobollo da collezione su d’Annunzio, francobollo da 70 centesimi che sarà messo in commercio. Per l’occasione ci sarà anche un timbro speciale. Infine per le 13.30 è previsto l’omaggio del sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia e del presidente Guerri che in ospedale, presso il reparto Maternità, saluteranno il primo nato del 12 marzo 2013, esattamente 150 anni dopo d’Annunzio.