SERIE A

Delfino Pescara. Bergodi: «Cagliari forte in attacco. Dovremo chiudere ogni spazio»

Le parole del tecnico alla vigilia del delicato match dell'Adriatico contro i sardi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3031




PESCARA. Vigilia tutto sommato tranquilla per il Pescara che domani all'Adriatico alle ore 15,00 affronta il Cagliari. La gara però è di quelle da non fallire. Crocevia fondamentale della stagione, in caso di vittoria i biancazzurri potrebbero scrollarsi di dosso tutte quelle paure ed incertezze che hanno portato ad un solo punto nelle ultime 5 partite.
Il tecnico Cristiano Bergodi per la partita recupera qualche pedina importante come Weiss e Celik. Il primo sarà regolarmente in campo mentre il secondo è in ballottaggio con Caprari per un posto in attacco insieme a Caraglio.
«La squadra è in buone condizioni e la squadra cresce di settimana in settimana» – ha raccontato alla vigilia del match il tecnico biancazzurro Cristiano Bergodi – «siamo contenti di aver cancellato con il punto di Palermo la serie di sconfitte. Ora bisogna confermarsi. Col Cagliari sarà una partita difficile e delicata. Dobbiamo essere determinati, voglio vedere aggressività, cattiveria ed intelligenza tattica sia in fase di possesso palla sia in difesa».
Di fronte una squadra che in settimana ha vissuto la vicenda dell'arresto del patron Cellino: «non credo che questa cosa inciderà in campo. Dobbiamo essere attenti e concentrati per tutta la partita lasciando meno spazi possibili alla velocità dei loro 2 attaccanti. Ibarbo e Sau se non vengono controllati bene possono creare problemi. Il Cagliari da il meglio di se nelle ripartenze».

PROBABILI FORMAZIONI E CONVOCATI. ANCORA FUORI SCULLI
Poche le indicazioni sulla formazione che manderà in campo, con Weiss però punto fermo: «Weiss farà quello che sa fare meglio e giocherà in attacco. Celik è recuperato al 100% ed è stato convocato, il che significa che può giocare. Per il resto vedrete domani. A grandi linee il modulo di gioco sarà lo stesso delle ultime giornate. Sicuramente non giocheremo con la difesa a 3».
L'infortunio di Sforzini e le cattive condizioni psico-fisiche di Vukusic comunque lasciano immaginare un impiego dall'inizio di Caraglio: «a Palermo ha fatto bene e sta lavorando duramente per ritrovare la condizione migliore. È in netto miglioramento e può essere un'ottima soluzione in attacco».
Nel Cagliari il duo Lopez-Pulga ha convocato 20 giocatori per la trasferta in Abruzzo: i portieri Agazzi ed Avramov; i difensori Ariaudo, Avelar, Del Fabro, Murru, Perico, Pisano e Rossettini; i centrocampisti Cabrera, Casarini, Cossu, Ekdal, Eriksson e Nainggolan; gli attaccanti Ibarbo, Nenè, Pinilla, Sau e Thiago Ribeiro. A casa gli squalificati Astori, Dessena e Conti.

Per quanto riguarda il Pescara, ancora fuori dalla lista Sculli, evidentemente non ancora in condizione nemmeno per giocare uno scampolo di gara.
PESCARA (4-3-3): Perin; Balzano, Bianchi Arce, Capuano, Zauri; Rizzo, D'Agostino, Blasi; Celik, Caraglio, Weiss. A disposizione: Pelizzoli, Zanon, Bocchetti, Modesto, Bjarnason, Caprari, Cascione, Abbruscato, Vukusic. Allenatore: Bergodi.
CAGLIARI (4-3-1-2): Agazzi; Pisano, Rossettini, Ariaudo, Avelar; Casarini, Nainggolan, Ekdal; Thiago Ribeiro; Sau, Ibarbo. A disposizione: Avramov, Del Fabro, Perico, Eriksson, Cabrera, Cossu, Pinilla. Allenatori: Pulga-Lopez.
ARBITRO: Andrea Gervasoni della sezione di Mantova.
Andrea Sacchini