SERIE A

Delfino Pescara. Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto?

Bergodi: «soddisfatto della prestazione». In arrivo lo svincolato Per Kroldrup

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2169




PESCARA. Soddisfazione per un punto prezioso conquistato sul campo di una diretta concorrente o amarezza per 2 punti persi vista e considerata la mediocrità del Palermo degli ultimi mesi? Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto il Pescara ha comunque mantenuto contatto dalla zona salvezza, con il Genoa che non è andato oltre lo 0-0 nell'anticipo delle 12,30 col Parma. La classifica sostanzialmente è rimasta quella che era alla vigilia, con il Cagliari prossimo avversario dei biancazzurri che ha subito il pareggio del Milan soltanto negli ultimi minuti. L'1-1, che fa bene a morale e classifica, quest'ultima mossa dopo 4 ko consecutivi, ha comunque messo in evidenza ancora una volta tutti i limiti di questo Pescara: assoluta incapacità di creare azioni pericolose palla al piede (il gol di Bjarnason è arrivato su palla inattiva, ndr), eccessiva fragilità difensiva e crollo fisico negli ultimi minuti di gara. Sicuramente sotto quest'ultimo punto di vista ci sarà parecchio da lavorare per il tecnico Cristiano Bergodi, soddisfatto a fine gara di quanto fatto vedere nel complesso: «Il pareggio è un risultato assolutamente positivo per noi abbiamo interrotto la serie di 4 sconfitte che hanno demoralizzato parecchio il gruppo. Abbiamo giocato un buon primo tempo e bene nel complesso come gioco. Abbiamo avuto occasioni importanti però è subentrata ad un certo punto la paura di vincere. Poi il Palermo ha meritato il pareggio».
«Ci siamo abbassati troppo» – prosegue l'allenatore del Pescara – «ed i miei cambi sono stati fatti proprio per evitare che la squadra abbassasse troppo il baricentro della manovra. Il futuro? In classifica siamo tutti vicini e ce la giochiamo tutti ad armi pari. Domenica col Cagliari abbiamo un'occasione importante per accorciare la classifica, ma tutti da qui alla fine avranno la chance di salvarsi. Forse ci sono squadre più attrezzate ma noi possiamo farcela senza dubbio».
Con la difesa biancazzurra che fa acqua da tutte le parti e dopo la partenza non rimpiazzata da Terlizzi, il Pescara sta seriamente pensando di mettere sotto contratto l'ex difensore di Udinese e Fiorentina Per Kroldrup. Al giocatore è stato proposto un provino per testare condizione ed integrità fisica del giocatore che ha giocato a buoni livelli con Udinese e Fiorentina in serie A ma che è reduce da un grave infortunio al ginocchio. Kroldrup, classe 1979, è svincolato da 9 mesi.
Ieri nel post partita il DS del Pescara Daniele Delli Carri non ha smentito, confermando in sostanza i rumors delle ultime ore. Non ci sarebbe stata però ancora nessuna risposta da parte del centrale danese, che sta valutando la proposta al pari di altre come ammesso nei giorni scorsi dal suo agente.
Andrea Sacchini