OCEANO PACIFICO

Terremoto e tsunami sulle coste del Pacifico: ecco le prime immagini

Non ci sarebbero vittime. Onde alte un metro che hanno prodotto danni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7716




VIDEO. Una violenta scossa di magnitudo 8 della scala Richter è stata registrata nell’oceano Pacifico al largo delle isole Santa Cruz, nell’arcipelago delle Salomone alle 2.12 (ora italiana).
Secondo i rilievi del Servizio geologico degli Stati Uniti (Usgs), il sisma ha avuto epicentro a soli 5,8 km di profondità, ad ovest dell’isola di Nendo.
Dopo la scossa principale sono state registrate sei forti repliche di magnitudo tra 5.2 e 6.6 al largo delle isole Salomone. «Secondo le informazioni che abbiamo, villaggi costieri ad ovest e a sud di Lata sono stati distrutti, ma non possiamo ancora confermarlo», ha detto all’Afp il direttore dell’ospedale di Lata, capoluogo della provincia di Temotu sull’isola di Nendo.
I funzionari locali hanno segnalato due onde di 1,5 metro colpito la parte occidentale dell'isola di Santa Cruz nelle Salomone, danneggiando circa 50 case e proprietà varie. Non ci sono state notizie di feriti o morti. Quando l’onda è arrivata gli abitanti del villaggio erano già fuggiti su un terreno più elevato per precauzione. Quando è scattata l’allerta, infatti, la gente ha cominciato a scappare, salire a bordo di bus o di qualsiasi mezzo di trasporto che li potesse portare in un posto sicuro. «Siamo fortunati», ha commentato Johnson Honimae del Solomon Islands' National Disaster Management, «perché c'è una collina non lontana dalla città, e quindi la maggior parte delle persone è andata lì»
Un manager del Hotel Novotel a Nadi nelle Fiji ha detto che gli studenti sono stati mandati a casa da scuola su consiglio del Ministero dell'Istruzione.
L'allarme ha riguardato diverse isole del sud del Pacifico: Salomone, Vanuatu, Nauru, Papua Nuova Guinea, Tuvalu, Nuova Caledonia, Kosrae, Fiji, Kiribati e Wallis e Futuna. Allerta più bassa per il resto del territorio del Pacifico del Sud, comprese Australia, Nuova Zelanda ed Indonesia. Non è stato escluso l'arrivo di uno tsunami anche alle Hawaii.