2°Div/B. Un Chieti in inferiorità numerica per tutta la partita cede 2-0 a Campobasso

Gara viziata dall'espulsione di Bigoni e rigore contro dopo un quarto d'ora

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

925




CAMPOBASSO. Un incredibile svista arbitrale costringe il Chieti al ko esterno per 2-0 contro il modesto Campobasso. Vantaggio al 15esimo su calcio di rigore di Di Vicino e raddoppio al 43esimo con Majella.
Teatini generosi che per impegno e volontà avrebbero sicuramente meritato il pareggio al cospetto di un Campobasso cinico che ha capitalizzato al meglio gli episodi favorevoli della gara. Poco da rimproverarsi per i giovani neroverdi, la cui gara è stata inevitabilmente condizionata dall'espulsione del difensore Bigoni (non era ultimo uomo, ndr) e dal conseguente calcio di rigore (per fallo evidente fuori area, ndr) poi trasformato dopo neanche 15 minuti della prima frazione di gioco. L'episodio è stato determinante nella storia del match ed ha costretto i teatini a giocare una gara d'assalto in inferiorità numerica contro i molisani ben compatti ed abili nel chiudere ogni varco alle ripartenze neroverdi.
Gara chiusa già a fine primo tempo con il punto del 2-0 arrivato dopo una disattenzione della retroguardia abruzzese.
In avvio subito il Chieti aggressivo, vicino alla rete in almeno un paio di occasioni. Prima Alessandro di un nulla viene contrato dalla retroguardia molisana e poi sugli sviluppi del corner Del Pinto di testa non inquadra di un nulla lo specchio della porta.
Al quarto d'ora però, in una gara fino ad allora dominata dall'undici di De Patre, arriva l'episodio che non ti aspetti: per fallo (fuori, ndr) area di rigore Bigoni viene espulso ed il seguente penalty viene trasformato da Di Vicino.
Il gol subito tramortisce i neroverdi che non hanno la forza di reagire fino al 37esimo quando una gran botta dalla distanza di Vitone non viene trattenuta dal portiere, sulla respinta però Del Pinto fallisce la ghiotta palla gol per il pari.
Come recita un'antica regola non scritta del calcio, gol mangiato gol subito, in chiusura di prima frazione di gioco il Campobasso raddoppia ed in sostanza chiude la partita. La difesa del Chieti dorme e Majella da 2 passi ha tutto il tempo di insaccare alle spalle dell'incolpevole Feola.
Nella ripresa il Chieti ci prova con qualche buona iniziativa ma la sfortuna e la scarsa precisione di giornata degli avanti neroverdi permette al Campobasso di terminare l'incontro sul punteggio di 2-0. In particolare alla mezz'ora Alessandro lanciato in profondità da Del Pinto a tu per tu col portiere ha sparato alto.
Molisani che hanno giocato in 10 uomini a partire dal 40esimo del secondo tempo, in un momento in cui i teatini non avevano ormai più la forza di provare a raddrizzare l'incontro.
Con questo ko il Chieti resta a 31 punti in classifica e per la prima volta da diverse settimane fuori dalla zona play-off.
Nel prossimo turno di campionato i teatini ospiteranno all'Angelini il Melfi, che all'andata aveva vinto in casa per 1-0. Con ogni probabilità sarà della partita il bomber De Sousa, costretto ieri a 90 minuti in panchina per un piccolo guaio fisico avuto in settimana.

TABELLINO
CAMPOBASSO (4-3-1-2): Iuliano; Pascucci, Marino, Boi, Esposito (41'st Palmiero); Rais, D'Allocco, Di Vicino (37'st Di Libero); Bussi; Fella, Majella. A disposizione: Nunziata, Santaguida, Grillo, Mauriello, Iovine. Allenatore: Vullo.
CHIETI (4-3-1-2): Feola; Bigoni, Pepe, Gigli, Di Filippo; Verna (21'st Rinaldi), Vitone, Del Pinto; Mungo (1'st Gandelli); Alessandro, Capogna (14'st Viscontini). A disposizione: Cappa, Cardinali, La Selva, De Sousa. Allenatore: De Patre.
ARBITRO: Marchesini della sezione di Legnago. Presenti sugli spalti circa 500 spettatori con rappresentanza ospite.
Andrea Sacchini