CALCIO

Serie A. Manca solo l'ufficialità ma Gaetano D'Agostino è il nuovo regista del Pescara

La trattativa chiusa in serata. Dall'allenamento parla Jonathas: «per me inizia ora il campionato»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4404


PESCARA. Gaetano D'Agostino è ormai ad un passo dal trasferimento in biancazzurro. Nella serata di ieri la svolta con Pescara e Siena che avrebbero trovato un accordo di massima per il passaggio del regista in riva all'Adriatico con la formula del trasferimento a titolo definitivo.
Per il Pescara sarebbe un grandissimo colpo a centrocampo visto e considerato che, neanche 3 anni fa, il giocatore era stato accostato a club di livello mondiale come Juventus e Real Madrid.
D'Agostino, dopo l'annata strepitosa del 2008/2009 con la maglia dell'Udinese con la quale ha realizzato ben 11 gol in 36 apparizioni, ha vissuto anni in chiaroscuro prima con l'Udinese e poi con Fiorentina e Siena. Dotato di un talento straordinario e di una precisione chirurgica nei calci piazzati, l'ex primavera della Roma anche se in condizioni psico-fisiche non eccelse ha comunque realizzato 9 reti in 49 partite nelle ultime 3 stagioni e mezzo in serie A, contribuendo anche con un gran numero di assist. Gaetano D'Agostino, classe 1982, vanta anche 5 presenze nella Nazionale maggiore dell'allora Commissario Tecnico Marcello Lippi.
Non ci sono ancora comunicati ufficiali dalle 2 società ma l'affare viene ormai dato per fatto nonostante le smentite nel pomeriggio del Ds Delli Carri.
Lo stesso a questo punto, sistemato il discorso centrocampista a meno della partenza di uno tra Cascione e Colucci, potrà dirottare tutte le proprie attenzioni sull'ingaggio di una punta. I nomi sono sempre i soliti: Budan, Barreto, Ardemagni e Di Michele.

DA FIRENZE IL NUOVO CAMPIONATO DEL BRASILIANO JONATHAS

A proposito di attacco, il successo prestigioso per 2-0 ottenuto a Firenze ha testimoniato l'ottimo momento delle punte biancazzurre. Celik può diventare punto fermo del Pescara di Bergodi mentre Jonathas, molto criticato negli ultimi mesi, ha trovato il suo primo gol in serie A nella domenica forse più bella fin'ora in questa stagione: «è stato un giorno bellissimo per me, ho lavorato tanto per arrivare a vivere questo momento. Rispetto ai mesi passati è cambiato soltanto il gol ed è aumentata la fiducia e l'autostima. Non ho mai pensato di andare via e voglio aiutare il Pescara a raggiungere la salvezza. Il mio stato d'animo è cambiato dopo il gol».
«Sono stati i 6 mesi brutti della mia carriera da calciatore» – prosegue l'attaccante biancazzurro parlando della sua prolungata assenza dal gol – «sono arrivato qui senza preparazione ed è stata dura iniziare a lavorare da zero. Non riuscivo a fare in campo quello che sapevo fare. Con la Fiorentina è andato tutto bene. Per me inizia ora il campionato e sono pronto a dare una mano importante a questa squadra».
Poi una dedica particolare a chi gli è stato vicino in questi primi difficili mesi in Abruzzo: «ringrazio tantissimo la mia famiglia, mia moglie e Chiaretti, giocatore del Pescara che fin'ora non ha mai giocato. Chiaretti mi è stato vicinissimo ed anche durante le feste di Natale ci siamo allenati insieme al mare, mi ha dato tanta forza ed è sempre stato al mio fianco».
«Per quanto riguarda il futuro voglio lavorare con maggiore impegno» – conclude Jonathas – «perché questo bel momento deve durare il più a lungo possibile».
La squadra intanto prosegue gli allenamenti in vista della trasferta di sabato a San Siro contro l'Inter. Ieri allenamento pomeridiano al campo Vestina di Montesilvano. Ha svolto lavoro differenziato Cosic mentre Caprari è rimasto a riposo dopo il piccolo infortunio alla spalla avvertito nell'allenamento di lunedì. Differenziato per Lulli mentre Weiss ha chiuso anzitempo la seduta per un fastidio alla schiena. Domani allenamento al mattino sempre nel centro sportivo di Montesilvano.

Andrea Sacchini