SERIE A

Delfino Pescara. Il DS Delli Carri sul mercato: «non abbiamo fretta, c'è tempo fino al 31 gennaio»

Per il centrocampo si pensa a Biagianti. In attacco Kozak difficile, più facile Budan

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2600

PESCARA. Il Pescara con un orecchio al mercato che ha aperto ufficialmente i battenti oggi prepara il match del 6 gennaio a Firenze. Con i viola il tecnico Bergodi spera di poter ottenere il transfert per il forte centrale di difesa Bianchi Arce, giunto a fine dicembre a titolo definitivo dal San Lorenzo. Arce è il primo rinforzo del mercato invernale e nei prossimi giorni verrà seguito da altri giocatori anche se il DS Daniele Delli Carri, intervenuto su tuttomercatoweb, ha dichiarato che per il Pescara al momento non c'è nessuna fretta di chiudere ulteriori trattative: «stiamo valutando più piste per rendere la squadra ancora più competitiva ma non abbiamo fretta. Da qui al 31 gennaio ci muoveremo per raggiungere il prima possibile l'obiettivo salvezza».
Tra i nomi nuovi c'è sicuramente quello di Biagianti, centrocampista centrale del Catania che fin'ora ha trovato pochissimo spazio agli ordini di Maran. Piace anche Kurtic mentre restano forti gli interessamenti per Padoin e D'Agostino, entrambi però molto difficili da acquistare per vari motivi. Per l'attacco il sogno resta il laziale Kozak ma alla fine potrebbe arrivare Budan, chiuso nel Palermo da Miccoli, Brienza, Ilicic e Dybala: «Kozak è molto difficile. Sicuramente sarebbe più facile chiudere con Budan che nel suo club non gioca».
Per l'attacco si valuta anche l'ingaggio di Barreto, sul quale però pesano e non poco le incognite legate alla sua tenuta fisica dopo oltre 2 anni di infortuni e ricadute continue.
Di pari passo a quello in entrata, a partire da oggi si animerà anche il mercato in uscita. Dopo il no secco alla cessione di Zanon, che a breve firmerà un prolungamento di contratto, Crescenzi sembra sempre più con le valigie in mano destinazione serie B. Sul terzino biancazzurro, fin'ora poco impiegato da Stroppa prima e Bergodi poi per problemi fisici e perché probabilmente non ritenuto all'altezza della massima divisione, sembra piombato con prepotenza il Crotone.
Togni invece, dopo un inizio di campionato passato nel dimenticatoio, tutto ad un tratto è divenuto imprescindibile nel centrocampo pescarese e difficilmente verrà lasciato andar via. Sul piede di partenza ovviamente quasi l'intero parco attaccanti, con il solo Abbruscato certo di restare almeno fino a giugno. Celik è ambito nella serie A svedese mentre Jonathas potrebbe far ritorno a Brescia o passare al Varese. Vukusic, il più grande investimento estivo del club, alla fine dovrebbe rimanere a meno di offerte vicine alla cifra che il Pescara pagò ad agosto all'Hajduk (circa 4 milioni di euro, ndr).

NOTIZIARIO

Doppio allenamento ieri al Vestina di Montesilvano. Al mattino lavoro a gruppi per allenare la forza in palestra ed esercitazioni sul campo per la fase difensiva, nel pomeriggio lavoro sulla tattica e possessi palla e partitelle a tema a campo ridotto. Ancora differenziato per Cosic, mentre Blasi ha effettuato solo la seduta mattutina per permettere il recupero. Oggi pomeriggio allenamento sempre nell'impianto sportivo di Montesilvano.

Andrea Sacchini