2°Div/B

Il Teramo supera 1-0 la Vigor Lamezia e scaccia i fantasmi

A fine gara Cappellacci va giù duro con la società

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

105221

TERAMO. Il Teramo in casa supera 1-0 la Vigor Lamezia e si lascia alle spalle la zona più calda della classifica. Match winner Speranza al quinto minuto del secondo tempo.



È servita dunque la strigliata in settimana del patron Luciano Campitelli, che aveva chiesto ai suoi una prova di forza e di orgoglio. Il campo il Teramo, pur con i soliti limiti dalla metà campo in su, ha ampiamente meritato il successo con una prestazione discreta e soprattutto ordinata in difesa. Diavolo che si è difeso sempre con ordine e Vigor Lamezia che ha sbattuto continuamente contro il muro eretto da Ferrani e compagni.
Serraiocco poche volte impegnato in una partita dai contenuti tecnici poveri, decisa dall'episodio del gol del Teramo.
La gara però ha vissuto il principale momento di pathos nel finale, con le dure parole del tecnico Cappellacci nei confronti della società, accusata di aver deciso l'esonero già nella gara di 7 giorni fa persa con l'Aversa Normanna: «il presidente si sta comportando in maniera scorretta nei miei confronti. Si diceva che l'esonero era già pronto, ma la società mi ha concesso una prova d'appello con la Vigor Lamezia. Evidentemente nessuno credeva in una vittoria. In settimana incontrerò il presidente e vedremo se ci saranno le condizioni per andare avanti».

LA PARTITA

Avvio di gara equilibrato. All'undicesimo tiro da fuori area di Iazzetta innocuo. Tre minuti dopo velenoso colpo di testa di De Luca a lato. Sono le uniche occasioni da segnalare fino al minuto 44, quando De Stefano a botta sicura conclude in porta trovando il miracoloso intervento di un difensore calabrese sulla linea. Prima del riposo altra chance per Righini che liberato da un compagno a tu per tu con Forte sparacchia alto.
Nella ripresa al quinto il meritato vantaggio del Teramo con Speranza, che di testa insacca sugli sviluppi di un calcio d'angolo. La partita sostanzialmente finisce qui anche se mancano ancora 40 minuti alla fine. Il Teramo, attento e concentrato, non concede nulla ad una Vigor Lamezia poco incisiva ed incapace di produrre emozioni. Prima della fine espulsione del giocatore ospite Marchetti per proteste nei confronti dell'arbitro.
Successo importante in ottica salvezza per il Teramo, che con questi 3 punti tiene a debita distanza la zona play-out. Vittoria che puntellerebbe la panchina di Cappellacci, che appare al momento tutt'altro che salda dopo le dichiarazioni del tecnico a fine partita. Parole dure alle quali sicuramente il patron Campitelli dovrà replicare. Domenica prossima per il Teramo impegno sul terreno dell'Arzanese, che ieri ha perso 2-1 a Fondi.

TABELLINO

TERAMO (4-3-3): Serraiocco; De Fabritiis, Ferrani, Speranza, Chovet; Coletti, Righini, Valentini; De Stefano (22'st Petrella), Bellucci (37'st Caidi), Iazzetta (30'st Patierno). A disposizione: Santi, Giannetti, Scipioni, Novinic. Allenatore: Cappellacci.
VIGOR LAMEZIA (4-2-3-1): Forte; Marchetti, Castaldo (19'st Rana), Gattari, Crialese (19'st Monopoli); Giuffrida, Cerchia (36'st Petrilli); Cascione, Mangiapane, Catanese; De Luca. A disposizione: Zelletta, Martino, Rondinelli. Allenatore: Costantino.
ARBITRO: Cangiano della sezione di Napoli. Presenti sugli spalti circa 700 spettatori.

Andrea Sacchini