SERIE A

Delfino Pescara. Capitan Cascione: «a Siena gara fondamentale per il nostro campionato»

Il capitano parla del momento della squadra e del match con i toscani

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1311

PESCARA. Il Pescara partirà domani alla volta di Siena in vista del match di domenica con l'undici di Cosmi.

 Con il calendario in salita fino al termine del girone d'andata, con impegni proibitivi sulla carta con Napoli, Fiorentina, Roma e Milan tra le tante, Siena rappresenta un crocevia importante per la stagione dei biancazzurri, come ha dichiarato il capitano Emmanuel Cascione: «è la partita più importante del campionato fin qui giocato da noi. Non possiamo permettere al Siena di rientrare in lotta per la salvezza e dare loro morale importante. Il Siena è una squadra importante ed in classifica avrebbe più punti se non fosse stato per la penalizzazione pesante. Siamo tesi e sappiamo che una vittoria ci darebbe grande morale ed una posizione invidiabile di classifica».
«Dobbiamo essere attenti e concentrati per tutta la partita» – prosegue Cascione – «non dobbiamo arroccarci in difesa ma neanche esagerare troppo in attacco come contro la Juventus. In settimana abbiamo analizzato gli errori commessi ed ora guardiamo al futuro. C'è grande unità d'intenti ed il gruppo è unito».
Inevitabile un passo indietro alla disfatta di sabato sera contro la Juventus: «perdere di 6 gol è pesante e non è normale, ma non abbiamo mai mollato. Abbiamo bisogno dell'affetto della gente in ogni momento del campionato. Ci sono state parecchie critiche per i punti e per la posizione ma sappiamo che dovremo lottare fino alla fine in queste posizioni di classifica».
«Sulle critiche sicuramente hanno inciso i grandi risultati dell'anno scorso» – va avanti Cascione – «giocare un calcio spumeggiante come con Zeman è stato fantastico ma bisogna capire che la serie A è completamente diversa dalla serie B. Sono arrivati tanti nuovi giocatori ed altri importanti sono andati via quindi abbiamo dovuto ricostruire. L'anno scorso tutto è andato per il verso giusto. Quest'anno è questa la realtà del Pescara. Bisogna avere pazienza e sapere che si soffrirà fino alla fine».

L'ESCLUSIONE DALL'UNDICI DEI TITOLARI

Cascione ha vissuto ai margini le gare con Atalanta e Chievo. Le esclusioni dal primo minuto non hanno però guastato il rapporto con il tecnico Giovanni Stroppa: «abbiamo avuto degli scambi di vedute e ci siamo chiariti. Può capitare di non giocare ed a volte restare fuori può aiutare anche a 29 anni. Ho una personalità forte e sono abituato a queste cose».
«È dura rimanere fuori» – conclude Cascione – «ma sono scelte dell'allenatore e vanno rispettate fino in fondo».

Andrea Sacchini