POLITICA

Precari della ricostruzione, emendamenti del Pd per favorirne la stabilizzazione

«Necessario modificare la legge Giuliante»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4484

L’AQUILA. Il Pd ha presentato emendamenti alla Legge regionale sulla piena operatività del Centro funzionale d’Abruzzo della Protezione civile.


Viene così emenda una legge, «presentata alla chetichella dall’assessore alla Protezione civile Gianfranco Giuliante», ha detto l’assessore Stefania Pezzopane, che prevede la trasformazione dei contratti di collaborazione in rapporti di lavoro a tempo determinato per i soli precari della Regione, aprendo loro la strada alla loro stabilizzazione. Il Pd, attraverso la propria iniziativa consiliare, vuole invece aprire questa possibilità a tutti i precari della ricostruzione.
Sono due gli emendamenti presentati: «resi necessari», ha spiegato il capogruppo Camillo D’Alessandro, «dopo una lettura approfondita della legge per correggere una svista e valorizzare le esperienze acquisite da tutti gli operatori che, nelle varie amministrazioni, hanno operato a seguito delle Ordinanze Presidente del Consiglio».
Questo significa che possono partecipare ai concorsi non soltanto quelli che hanno prestato servizio presso la Sala operativa della Protezione civile della Regione, ma tutti coloro i quali sono stati impegnati nei vari Enti locali del cratere nell’ambito della ricostruzione.
«Soprattutto questo consentirà - ha spiegato Giuseppe Di Pangrazio – di superare le disparità tra i vari operatori che si sono distinti nella ricostruzione e hanno acquisito la giusta esperienza».
«Gli emendamenti del Pd alla legge regionale, approvata lo scorso ottobre, pongono in risalto come la Regione possa effettivamente legiferare in materia di ricostruzione - ha precisato Pezzopane - contrariamente a quanto ha sempre dichiarato il presidente Chiodi, quando era commissario per la ricostruzione».
Il vice presidente del Consiglio regionale D’Amico ha, infine, rilevato che: «Questi emendamenti manifestano un ritorno alla normalità attraverso le leggi regionali rispetto alle OPCM. Peraltro, sempre in tema di normalità amministrativa e legislativa, va approntata al più presto una legge organica sulla ricostruzione, partendo proprio dal progetto di legge presentato alcuni giorni fa dal gruppo regionale del Pd».