POLITICA

Matteo Renzi, i consiglieri regionali del Pd abruzzese si spaccano

D’Alessandro: «straordinaria risorsa»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5263

ABRUZZO. La candidatura alle primarie di Matteo Renzi scuote anche il gruppo consiliare regionale del Partito democratico.

In una intervista-video realizzata per la WebTv “In Consiglio” sono state raccolte le posizioni dei Consiglieri regionali del Pd, che hanno tesi diverse sul futuro dei democrat.
A sostegno del giovane sindaco di Firenze si sono schierati il capogruppo Camillo D’Alessandro, e il consigliere regionale teramano, Giuseppe Di Luca, che spingono il partito verso un profondo rinnovamento. Per l’attuale segretario (Pierluigi Bersani), si schiera apertamente Marinella Sclocco, consigliera regionale di Pescara. Aspetta di conoscere i programmi dei principali sfidanti, prima di assumere una posizione definita, il consigliere marsicano, Giuseppe Di Pangrazio, che però mette in evidenza come il dibattito interno al partito rappresenta anche una occasione di crescita per la classe dirigente.
Per Camillo D’Alessandro: «Renzi rappresenta una straordinaria risorsa per il rinnovamento del partito, a cominciare dai suoi contenuti programmatici. Io sostengo il sindaco di Firenze». Secondo Marinella Sclocco: «è un momento positivo per il partito perché c’è un ricco dibattito, sintomo quindi di alta democrazia. Scelgo Bersani perché lo considero un valido Presidente del Consiglio; non conosco ancora il programma di Matteo Renzi, o meglio, non ho ancora capito la sua idea finalizzata a migliorare lo Stato. Vuole solo rottamare?». Giuseppe Di Luca sostiene che «per il nostro partito, Matteo Renzi è una grandissima opportunità, interpreta un sentimento di cambiamento che mai nessuno aveva proposto in maniera così forte e incisiva». Infine Giuseppe Di Pangrazio: «Sono due figure di spessore che animeranno il dibattito all’interno del partito. Il confronto attraverso le primarie ci aiuterà a capire meglio a chi affidare la guida del partito e dell’Italia».