TELEVISIONE

Domenica 7 aprile riparte la nuova stagione di Report

Su Rai 3 lo storico programma di Milena Gabanelli.

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2355

Domenica 7 aprile riparte la nuova stagione di Report

Milena Gabanelli






TELEVISIONE. Il primo appuntamento con Report si aprirà con un’inchiesta dedicata ai fallimenti e ai commissariamenti dei gioielli di famiglia dello Stato.
Si parlerà dei casi di Itavia, Alitalia, Tirrenia e CIT. Sono tutte aziende di primo piano, con fatturati stratosferici e tanti dipendenti e soprattutto strategiche per un Paese. Eppure sono tutte finite in amministrazione straordinaria. L’Italia è l’unico Paese al mondo in cui il commissario straordinario è nominato dalla politica e la procedura non è nelle mani dei giudici ma del Governo e Ministro di turno. Quanto costa questa macchina in perenne conflitto, e quanto resta alla fine per i creditori?

Le altre puntate si occuperanno di questi temi: dove si incardina la patologica assenza di meritocrazia? Probabilmente proprio nei meccanismi di assegnazione delle più prestigiose onorificenze di Stato. Quali sono i requisiti necessari per diventare Cavaliere del Lavoro o Commendatore? Quali per le medaglie d’oro? Quali sono i meriti che bisogna accumulare? Se poi le persone che hanno ricevuto il prestigioso riconoscimento si dovessero dimostrare poco degne perché hanno commesso reati o tenuto comportamenti immorali, cosa accade? Chi e come può revocare questi titoli?

Cosa sta succedendo a Roma Capitale? Dalle ceneri della banda della Magliana, dal coacervo di ‘ndrangheta, camorra, mafia, il crimine si è federato e ha dato vita ad una nuova cupola. Chi c’è in questa nuova cupola che sta facendo affari con l’amministrazione pubblica ed è andato a meta? Si parlerà di tutti gli appalti legati ai trasporti e all’edilizia, e della Metro C, ovvero la più importante opera pubblica italiana. Sullo sfondo, le elezioni di fine maggio per il prossimo sindaco della città.

Report tornerà a parlare di finanziamento ai politici. Questa volta al centro dell’inchiesta ci sono fondazioni e i think tank politici. I luoghi dove i partiti e i loro guru pensano e tessono strategie, elaborano programmi per la governance, dialogano col mondo della cultura e la società civile. Da dove arrivano i finanziamenti e dove vanno a finire. Dietro ad ogni partito c’è una fondazione. Lo Stato come controlla?

Il team della Gabanelli si occuperà di una risorsa che non risente mai della crisi, che non si può né delocalizzare né imitare: il patrimonio storico, culturale e paesaggistico. E poi quanto le lobby farmaceutiche riescono a condizionare la politica? Attraverso le storie della più importante azienda italiana, la Menarini, e di altre grandi aziende straniere, il programma racconterà come funziona la determinazione del prezzo dei medicinali rimborsati dal sistema sanitario nazionale. Dall’inchieste emerge anche che c’è qualche conto ancora in sospeso con alcuni importanti protagonisti della vecchia tangentopoli nella sanità e la possibilità di recuperare un bel gruzzolo.

Tra i temi delle nuove inchieste del programma curato e condotto da Milena Gabanelli ci saranno anche le proposte per nuovi modelli di sviluppo, la corruzione nella Regione Lombardia e l’eredità di Formigoni, i risvolti del fallimento dell’Istituto dermatologico dell’Immacolata, i conti in sospeso con il fallimento della Sicilcassa e infine la gestione della sanità in Calabria sotto il governatore commissario Giuseppe Scopelliti.