LA STORIA

Da Hollywood a Fallo, l’attore Micheal Madsen si innamora dell’Abruzzo

Nei prossimi mesi perfezionerà l’acquisto di una casa

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

16769

Da Hollywood a Fallo, l’attore Micheal Madsen si innamora dell’Abruzzo

Madsen al centro



FALLO. Fall in love with...Fallo.
Non è il titolo di un film, nonostante il protagonista di questa storia vera si chiami Michael Madsen. Lui, attore legato a doppio filo con un regista come Quentin Tarantino – è Mr Blonde in Le Iene, Budd in Kill Bill, per citarne alcuni - si è perdutamente innamorato di Fallo, un paese di 150 abitanti sconosciuto ai più tra le colline d'Abruzzo, in provincia di Chieti.
Sconosciuto non abbastanza, evidentemente, se ci è finito direttamente da Hollywood un attore del calibro di Madsen. Da Los Angeles, California, a Fallo, Abruzzo il passo non è stato poi così lungo, a quanto pare. Soprattutto se hai come agente il figlio di un emigrante che da qui è partito, come tanti, per il Canada nell'immediato dopoguerra.
Il cupido di questa storia d'amore tra la star hollywoodiana e il paesino abruzzese è infatti Bruno Rosato, canadese dalle chiare origini italiane, padre originario di Fallo, agente di molti attori e attrici del cinema statunitense, tra cui lo stesso Madsen.
È stato lui a proporgli di fare un salto in Abruzzo, a marzo, quando entrambi si trovavano a Roma per le riprese di un film. Madsen, raccontano, è rimasto colpito dalla tranquillità e dal silenzio del paesino alle pendici della Maiella, dove le case sono di pietra bianca e hanno le chiavi lasciate incustodite sulle porte. «Gli sono piaciute le cose semplici che la sua vita di attore sempre in giro per il mondo non gli consentono di avere», confida il sindaco di Fallo, Andrea Salerno, eletto con 71 voti nel 2013 con la lista, manco a dirlo, “Allora Fallo”.
Il primo cittadino è stato con Madsen a pranzo qualche settimana fa nel ristorante dell'hotel Nido delle Rondini, l'unico della zona. Menù a base di tartufo bianco del Sangro, agnello e Montepulciano d'Abruzzo, ovviamente, con vista sulle verdi colline che degradano verso il mar Adriatico. Caffè e amaro sempre al ristorante, perché l'unico bar del paese era ed è ancora in ristrutturazione. Una visita e un pranzo non solo di piacere.

UNA CASA A FALLO
Tra maggio e giugno, infatti, Madsen tornerà in paese per acquistare una casa da ristrutturare in via santa Maria, una delle dieci strade del comune. Cattivo sul set e con un debole per le case in pietra di uno dei paesi più piccoli d'Abruzzo, Madsen ha individuato l’abitazione dopo un paio di visite in paese immortalate in alcune foto postate sul proprio profilo Facebook.
L'abitazione, da ristrutturare, si trova a pochi metri da una delle due chiese del paese, la chiesa di Santa Maria Perpetua del Soccorso. In via santa Maria, appunto.
«Nei prossimi mesi, salvo impegni che lo terranno lontano dall'Italia, Madsen tornerà qui per definire l'acquisto – racconta con un certo orgoglio il sindaco - è una casa in pietra da ristrutturare, piccola, non più di 70 metri quadrati per un investimento iniziale di 15mila euro».
Qualità della vita a buon prezzo, per uno come Madsen nel vortice dello star system hollywoodiano da quasi 30 anni. Il fascino di Fallo non ha colpito solo lui. Anche la bionda Misha Barton, che nella serie televisiva The Oc è Marissa Cooper, è stata ospite gradita in paese a febbraio, sempre per il tramite di Rosato. Madsen è tornato invece a metà marzo scorso. In quell'occasione ha scattato due foto che ha poi pubblicato sul suo profilo ufficiale Facebook. Una ritrae un incrocio presidiato da un cane, tre cartelli stradali e una casa con le tapparelle abbassate: l'ha scattata lui stesso il 18 marzo in piazza IV novembre.
L'altra, più popolare con oltre 2100 like, ritrae l'attore davanti una casetta diroccata, sotto un ombrello, probabilmente una delle candidate all'acquisto per la ristrutturazione che farà della casa e di Fallo il buen ritiro di Madsen, prossimo ai 60 anni. L'età giusta per innamorarsi di un paesino a metà strada tra la Maiella e il mare della Costa dei Trabocchi, dove il tempo trascorre lento e i vicini di casa saranno al massimo 150 sconosciuti.

p.d.n.