TV E POLITICA

Barbara D’Urso intervista Silvio Berlusconi, giornalisti protestano

«Mai più violazioni del genere»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8641

Barbara D’Urso intervista Silvio Berlusconi, giornalisti protestano

Silvio Berlusconi

TELEVISIONE. Polemiche per l’intervista di ieri condotta da Barbara D’Urso a Domenica Live.

Twitter ha fatto a pezzi la conduttrice Mediaset per due momenti clou della trasmissione: l’intervista a Michele Misseri (lo zio d’Avetrana che sostiene di aver ucciso Sara Scazzi, al quale la conduttrice ad un certo punto dice: «si vede che hai gli occhi buoni») e Silvio Berlusconi.
Sulla seconda ha alzato la voce anche l’ordine dei giornalisti perché la conduttrice non è una giornalista. In realtà aveva il tesserino da pubblicista che poi le è stato ritirato perché ha fatto pubblicità.
«Quanti sono i giornalisti di Mediaset? Voglio dire tra Canale 5, Rete 4 e Italia 1? Più di cento, più di duecento? Non lo so. Comunque tanti e tutti bravi, se non eccellenti. E molti di questi iscritti all'Ordine del Lazio che ho l'onore di presiedere. Ebbene, come mai l'ex premier Silvio Berlusconi è stato intervistato lungamente nel pomeriggio di domenica da una presentatrice, bravissima nel suo lavoro, ma assolutamente estranea al nostro mondo?».
Se lo chiede Bruno Tucci, presidente dell'Ordine dei giornalisti del Lazio, commentando l'intervista di Barbara D'Urso al Cavaliere a Domenica Live. «Che cosa ne pensano i colleghi, come ad esempio Clemente Mimun, direttore del Tg5, e cioè della testata che spesso riesce a superare negli ascolti persino il Tg1? Non ritiene che questo sia uno schiaffo non solo a lui, ma a tutti i redattori del suo telegiornale?», insiste Tucci in una nota.
«Come presidente dell'Ordine del Lazio (che insieme con la Lombardia ha il maggior numero di iscritti) protesto in modo vibrato rivolgendomi anche al segretario ed al presidente della Federazione della Stampa (il nostro sindacato), affinchè violazioni del genere non si ripetano mai più in futuro - conclude -, alla vigilia di un'aspra e delicata campagna elettorale».
Per alcuni la d’Urso nel corso dell’intervista con l’ex premier sarebbe stata troppo accomodante avendo di fatto lasciato spazio ad un monologo di oltre 60 minuti. Ma lei si difende in una intervista a Repubblica: «Non sono stata accomodante. Nel mio studio sono passati tanti politici: Veltroni, Pannella, Casini, neanche mi ricordo, e spero che tanti altri verranno. Io sono una donna normale e faccio parlare l'ospite. Ci vede qualcosa di strano?».
E poi ancora: «gli ho fatto domande da donna normale. La gente mi ferma perché non vuole pagare l'Imu, perché la tredicesima non basta. Se venisse Bersani gli chiederei le stesse cose, e anche della mamma».
«Barbara D’Urso ha fatto uno scoop per il quale tutti avrebbero pagato», la difende invece il giornalista Alessandro Sallusti