Anita, miniserie Rai dedicata alla moglie di Garibaldi

Anita, miniserie Rai dedicata alla moglie di Garibaldi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2525

Anita, miniserie Rai dedicata alla moglie di Garibaldi


TELEVISIONE. Una miniserie in due puntate, lunedì 16 e martedì 17 gennaio in prima serata su Rai1, per raccontare la vicenda pubblica e privata di una delle protagoniste della nostra storia patria. Nei panni della moglie e compagna di avventure dell’Eroe dei due mondi, Valeria Solarino, per la prima volta protagonista in una produzione televisiva. La miniserie di Rai Fiction è prodotta da Goodtime di Gabriella Buontempo e Massimo Martino con la regia di Claudio Bonivento. Nel ruolo di Giuseppe Garibaldi, Giorgio Pasotti.
Ma stavolta, la vera protagonista è lei, la brasiliana Ana Maria de Jesus Ribeiro da Silva, per tutti Anita: la donna che, appena diciottenne, si innamorò perdutamente di un uomo tanto più grande, lo sostenne nei suoi ideali, lo seguì nelle sue pericolose avventure, gli diede quattro figli e morì con il quinto ancora in grembo. Un donna combattiva, coraggiosa, che non si è arresa davanti a nessun ostacolo. Il racconto di dieci anni d’amore tra una donna straordinaria, e a suo modo visionaria, e l’Eroe dei Due Mondi.
Ricchissimo il cast della miniserie che, oltre a Valeria Solarino e Giorgio Pasotti, vede la presenza di Tosca d’Aquino, Fabio Galli, Nini Salerno, Thamisanqa Molepo, Bruno Conti, Mauro Marino, Lorenzo Roma, Jonis Bascir, Gianfelice Facchetti, Filippo Scarafia, Pietro Ghislandi, Francesca Antonelli, Francesca Antonelli, Maria Pia Calzone, Rosa Pianeta, Francesco D’Avanzo, Alessandro Lombardo, Stefania Micheli, Edoardo Purgatori, Francesca Cavallin, Cristina Moglia, Giorgio Gobbi, Nicoletta Romanoff.
Non sono molti i precedenti filmici su Anita: una delle rare interpretazioni da protagonista risale al 1952, «Camicie rosse», con Anna Magnani. Da un soggetto di Massimo De Rita, Mario Falcone e Amedeo Minghi, quest’ultimo autore anche della colonna sonora, l’Anita Garibaldi di Rai Fiction vuole raccontare l’incontro fra due giovani di mondi e culture molto distanti fra loro, uniti da passione e ideali, minacciati dalla repressione, ma anche dai pregiudizi di una cultura patriarcale e maschilista che si annida fin nel loro rapporto e che, infine, fa di Anita non solo la vittima simbolica per eccellenza della Reazione, quanto la testimone di un mondo che sta cambiando molto, molto in fretta.
Ripercorrendo attraverso questo punto di vista la vicenda pubblica e privata, affiora in primo piano la modernità, l’attualità di questa storia d’amore e della guerra di liberazione, e dei suoi due giovani protagonisti, Ana e il suo “José”: Anita e Giuseppe Garibaldi.