Truffa terremoto, confermati i sequestri agli indagati

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2309

L'AQUILA. Il Gip del Tribunale dell'Aquila, Marco Billi, ha convalidato oggi il sequestro del materiale ad alcuni indagati nell'ambito dell'inchiesta denominata "Attenti a quei due".

L'inchiesta, scoppiata nei giorni scorsi e coordinata dalla procura della Repubblica dell'Aquila, avrebbe scoperto un tentativo di truffa relativo a parte dei 12 milioni di euro, i cosiddetti fondi Giovanardi, stanziati per progetti sociali nei comuni del cratere dal Dipartimento delle politiche della famiglia.

I sequestri sono stati effettuati nello abitazioni delle due persone agli arresti domiciliari, il dipendente della presidenza del Consiglio dei Ministri Fabrizio Traversi, 62 anni di Roma, e il medico aquilano Gianfranco Cavaliere, 36 anni dell'Aquila, e di uni dei tre indagati, il sindaco di San Demetrio, Silvano Cappelli, comune "capofila" nel progetto "L'Aquila Città Territorio".

Intanto, ieri sono continuate le indagini da parte del pm Antonietta Picardi, che ha ascoltato alcune persone nella condizione di informare sui fatti. Secondo l'accusa, Traversi e Cavaliere avrebbero con un sistema di Onlus, fondazioni e associazioni, tentato di distrarre circa 9 dei 12 milioni di euro raggirando rappresentanti istituzionali, soprattutto sindaci.

Le ipotesi di reato per i due arrestati sono di concorso in tentata truffa aggravata continuata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, millantato credito, tentativo di estorsione. A Traversi viene contestato anche il peculato. Nell'inchiesta ci sono anche altri due indagati: Nicola Ferrigni, presidente di Eurispes Abruzzo che, secondo l'accusa, avrebbe avuto il ruolo di reperire stagiste che avrebbero lavorato gratuitamente mentre il loro compenso finiva nelle tasche degli indagati, e Mimmo Srour, ex assessore regionale e provinciale, per una serie di vizi procedurali sull'ingresso della Provincia dell'Aquila nella Fondazione "Abruzzo Solidarietà e Sviluppo".

L'operazione è stata condotta dai carabinieri del Nucleo operativo ed ecologico (Noe) di Pescara. Traversi e Cavaliere nei giorni scorsi sono stati interrogati dal gip ma si sono avvalsi entrambi della facoltà di non rispondere. Per l'accusa i due avrebbero cercato di distrarre i fondi «raggirando innumerevoli soggetti privati e istituzionali» attraverso «mendaci informazioni sulle finalità della Fondazione Abruzzo solidarietà e sviluppo onlus» e di «ulteriori altre associazioni e fondazioni». Intanto dopo gli arresti e lo scoppio dell'inchiesta il sottosegretario Giovanardi ha bloccato l'erogazione dei 12 milioni dei fondi per il sociale. Era stato proprio Giovanardi ad annunciare dopo il sisma l'invio del contributo. 

27/09/2011 8.21

* «INCASSIAMO I SOLDI E TAGLIAMO LA CORDA»

* «SONO IL CONSULENTE DI SUA ECCELLENZA LETTA, SI STURI LE ORECCHIE»