Ricostruzione: Chiodi trasferisce ai Comuni 13,2 milioni di euro

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1626

L'AQUILA. Al Comune dell’Aquila anche il CAS di luglio e risorse per aziende danneggiate*221 MLN EURO PER MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCUOLA

Il Commissario delegato per la Ricostruzione e presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, ha firmato i mandati di pagamento che autorizzano il trasferimento di ulteriori 13,2 milioni di euro in favore dei Comuni del cratere per far fronte alle spese legate all’emergenza sisma Abruzzo. Circa 7 mln sono trasferiti agli enti locali quale contributo straordinario per assicurare la stabilità dell'equilibrio finanziario nell’esercizio 2011, come previsto dall’ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri  n. 3950 del 30 giugno scorso. Ciò al fine di garantire anche la continuità del servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani, sulla base dei maggiori costi sostenuti o delle minori entrate conseguite.

Per il pagamento degli indennizzi di sospensione attività produttive, attività sociali, culturali, ricreative, sportive e religiose, miglioramento sismico delle  unità abitative di edifici in corso di realizzazione saranno trasferiti ai Comuni dell’Aquila e di Rocca di Cambio  rispettivamente 1.512.247,65 e 136.316,63 euro per un ammontare complessivo di 1.648.564,28 euro.

Circa  2,5 mln riguardano invece il completamento del rimborso delle spese legate all’emergenza  (contributo di autonoma sistemazione, opere provvisionali di messa in sicurezza, spese per il personale, fitti di locazione e traslochi) per i comuni abruzzesi (del cratere ed afferenti ai COM) con riferimento alle rendicontazioni pervenute al  30 giugno 2011 all’area Amministrativo-Contabile della Struttura Gestione Emergenza.

Al Comune dell'Aquila sono destinati anche 4,656 mln per il pagamento alle famiglie del contributo di autonoma sistemazione relativo al mese di luglio scorso.

Intanto cittadini, tecnici, progettisti, imprese ed amministrazioni comunali saranno protagonisti di un percorso di ricostruzione partecipata.  Seguendo le linee guida della Struttura Tecnica di Missione, cinque paesi del cratere - Tione degli Abruzzi, Fontecchio, Pescomaggiore (frazione dell’Aquila), Fano Adriano e Civitella  Casanova -  hanno avviato il progetto “Borghi Attivi – Statuto partecipato dei paesi d’Italia”. 

Ispirandosi ai metodi del “Village Design Statement” inglese e dello “Statuto dei Luoghi” italiano, il progetto mira ad includere i soggetti protagonisti della ricostruzione in un processo partecipativo virtuoso. Attraverso assemblee, interviste e incontri,  i cittadini  vengono chiamati ad esprimersi  su diversi argomenti inerenti la ricostruzione per elaborare una sorta di auto-descrizione della propria identità locale.

L’iniziativa nelle sue specifiche tecnico-operative è stata presentata in conferenza stampa questa mattina, all’Aquila, presso l’Auditorium di Palazzo Silone - sede della Regione Abruzzo, alla presenza del coordinatore della Struttura Tecnica di Missione Gaetano Fontana, dell’assessore alla Ricostruzione Partecipata del Comune dell’Aquila Fabio Pelini  e dei sindaci dei Comuni coinvolti: Sabrina Ciancone di Fontecchio (AQ), Tullio Camilli di Tione degli Abruzzi (AQ), Adolfo Moriconi di Fano Adriano (TE) e Marco D’Andrea di Civitella Casanova (PE).

 «Il progetto dei sindaci presenti fa seguito alle linee di indirizzo della Struttura Tecnica – dice il coordinatore Gaetano Fontana – in molti Comuni abbiamo riscontrato la condivisione di scelte strategiche con i cittadini ma, nei casi specifici, l’adozione delle nostre linee guida è stata opportunamente ampliata e approfondita. Lo  Statuto  non sarà soltanto una semplice testimonianza culturale, ma uno strumento di coesione sociale, un documento operativo che verrà approvato dai Consigli Comunali, farà parte del Piano di Ricostruzione e contribuirà alla pianificazione urbanistica». 

15/09/2011 16.47

[pagebreak]

221 MLN EURO PER MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCUOLA 

 AVEZZANO. Per la messa in sicurezza degli edifici scolastici in 102 Comuni della Regione, verranno spesi ben 221 milioni di Euro. Di questi, quasi 59 milioni di Euro sono riferiti alla sola provincia dell' Aquila. In particolare, 39 milioni e mezzo per gli edifici di Avezzano ed oltre 13 per quelli di Sulmona. I dati sono stati illustrati oggi ad Avezzano, nella sala consiliare del Comune, dal presidente della Regione Gianni Chiodi, in qualità di Commissario delegato per la ricostruzione e dal presidente della Provincia Antonio Del Corvo, alla presenza del sottosegretario di Stato al Ministero per l' Istruzione Guido Viceconte, del sindaco di Avezzano Antonio Floris, del Senatore Filippo Piccone Coordinatore del PDL Abruzzo, Mauro Fattore Assessore Provinciale all' edilizia scolastica, Rita Vitucci dell' Ufficio Scolastico Provinciale e di assessori e consiglieri Regionali e Provinciali.

 Il presidente Chiodi, dopo aver ricordato che si tratta di uno degli interventi più importanti in Europa per la messa in sicurezza degli edifici scolastici, ha affermato che i lavori sulle scuole hanno priorità assoluta nella programmazione:«è una esigenza primaria per la sicurezza dei nostri figli per la quale abbiamo preso un impegno serio e concreto in termini economici e di pianificazione. Verranno impiegati materiali di costruzione nuovi, tecnologicamente avanzati, capaci di creare risparmi energetici e mantenere un'assoluta sicurezza per gli studenti e per gli insegnanti». 

Inoltre è stato fatto presente che dei 221 milioni, 196 milioni provengono dal Cipe e 25 da un cofinanziamento richiesto agli Enti proprietari con maggiori capacità finanziarie. 

«Questo stanziamento - ha aggiunto il presidente - testimonia la vicinanza e l' attenzione del Governo per la messa in sicurezza del patrimonio edilizio scolastico dell'intero Paese».

15/09/2011 17.06