Terremoto, in 576 aspettano sistemazione nel progetto C.a.s.e.

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1486

L'AQUILA. «Non ci sono alloggi del Progetto C.a.s.e. non assegnati».

È quanto dichiara Roberto Petullà, coordinatore della Struttura Gestione Emergenza, che illustra l'attuale situazione degli appartamenti. Al momento, ci sono 131 alloggi che si sono resi liberi e il cui numero varia di giorno in giorno a seconda delle nuove necessità che intervengono in una popolazione di circa 14.000 persone.

Di questi, 99 alloggi sono già prenotati per gli spostamenti, ovvero sono destinati a nuclei familiari che hanno chiesto di essere spostati in alloggi diversi da quelli assegnati (alloggi più grandi, in una zona diversa, in un appartamento di tipologia differente); al momento, ci sono ancora ben 576 richieste di questo genere che sono rimaste insoddisfatte.

Altri 33 alloggi sono, invece, prenotati per nuova assegnazione, proprio per i cittadini ancora in lista di attesa; 8 alloggi sono non abitabili per guasti, due da ottobre 2010 e gli altri da aprile e maggio 2011 ed è il Comune dell’Aquila che deve provvedere alla riparazione.

Infine, solo 2 alloggi sono effettivamente liberi uno ad Arischia e uno a Collebrincioni che si assegneranno nel più breve tempo possibile ai cittadini ancora in attesa di una prima assegnazione. Le procedure di accertamento dei requisiti e di assegnazione degli alloggi sono particolarmente delicate tali da comportare la necessaria collaborazione dei pre-assegnatari e da provocare una possibile dilatazione dei tempi dell'assegnazione definitiva.

«Continua senza interruzioni, il lavoro dell’Area Assistenza alla Popolazione della Struttura Gestione Emergenza», assicura Petullà, «osservando sempre scrupolosamente le disposizioni vigenti e garantendo così tutti i cittadini, che sono stati trattati allo stesso modo proprio grazie alla seria applicazione delle regole».

Poiché, inoltre, a due anni dal sisma, sono emerse problematiche e nuove esigenze relative alle famiglie e alle persone che usufruiscono delle forme di assistenza, proprio in questi giorni, si stanno valutando e sono all’attenzione del Tavolo di Coordinamento degli Enti, possibili modifiche alle disposizioni vigenti per andare incontro ai bisogni della cittadinanza e per rendere più veloci e efficienti gli aspetti procedurali.

18/05/2011 8.37