EFFETTI COLLATERALI

Dopo il terremoto Campotosto si abbassa di 10 centimetri

Deformazione calcolata grazie a immagini satelliti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

804

Dopo il terremoto Campotosto si abbassa di 10 centimetri

ROMA. Dopo i quattro terremoti del 18 gennaio il suolo si è abbassato di 10 centimetri nell'area di Campotosto.

E' quanto risulta dall'elaborazione delle immagini riprese dai satelliti Sentinel-1 e Alos-2, elaborate e analizzate dall'Istituto per il rilevamento elettromagnetico dell'ambiente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Irea-Cnr) e dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv).

Le analisi sui dati da satellite hanno consentito di misurare i movimenti del suolo generati dai 4 eventi sismici di magnitudo da 5 a 5.5 che si sono verificati il 18 gennaio scorso nell'area di Montereale, e di individuare la faglia sorgente dei terremoti.


Lo scorrimento massimo della crosta terrestre lungo la faglia ammonta a circa 90 cm e non ha raggiunto la superficie ma si è fermato a circa 3 km di profondità.

Il modello ricostruito è ancora preliminare ma indica chiaramente che questi terremoti sono avvenuti sul piano di faglia regionale del Monte Gorzano, lo stesso sul quale il 24 agosto 2016 è iniziata la sequenza con l'evento di Amatrice, e su cui nel 2009 si erano verificati degli eventi più piccoli nella zona di Campotosto .



«La neve ha reso molto difficile l'analisi delle immagini dei satelliti, che hanno richiesto un grandissimo lavoro di elaborazione», ha detto il direttore dell'Irea-Cnr, Riccardo Lanari. I satelliti che hanno fornito le immagini sono Sentinel-1, del programma Copernicus dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa), e il giapponese Alos-2.

«La deformazione osservata - ha aggiunto - indica una continuità con quella rilevata dopo il terremoto del 24 agosto 2016 nella zona più a Nord, nell'area di Amatrice». L'Ingv ha invece elaborato il modello della sorgente sismica che ha generato la deformazione.

«Risulta che il terremoto è avvenuto alla base della faglia del monte Gorzano, la stessa che ha generato il terremoto del 24 agosto», ha detto Stefano Salvi, dell'Ingv.

«E' una struttura - ha aggiunto - che si estende per più di 30 chilometri», legata sia al terremoto di Amatrice del 24 agosto, sia ai quattro terremoti del 18 gennaio. Questi ultimi, considerati complessivamente, hanno una magnitudo compresa fra 5,7 e 5,8.