MOROSITA'

Progetto Case e Map: recuperate morosita' per 222 mila euro

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

36

PROGETTO CASE L'AQUILA



L’AQUILA. Il Comune dell'Aquila ha recuperato circa 222mila euro, relativi a debiti per morosita' degli assegnatari del progetto Case e Map. Lo rende noto il sindaco Massimo Cialente.

«Il dirigente del Dipartimento Ricostruzione, ingegner Vittorio Fabrizi - ha dichiarato Cialente - mi ha comunicato formalmente che, ad oggi, sono stati recuperati complessivamente 221mila 989,58 euro, di cui 161mila 89 sono relativi alle compensazioni tra i crediti, riguardanti il rimborso delle spese di trasloco e gli indennizzi per i beni mobili danneggiati, e i debiti per morosita', e 60mila 899 sono derivanti invece dal pagamento diretto di canoni, utenze e quote condominiali da parte degli assegnatari, a seguito delle sollecitazioni da parte dell'ente. Mi congratulo con gli Uffici comunali - ha proseguito il sindaco - per il loro lavoro e per i risultati conseguiti. Il metodo, tracciato dall'Amministrazione, inizia a dare i suoi frutti. Laddove i morosi, molti dei quali recidivi anche di fronte ai solleciti di pagamento, hanno diritto al contributo per il rimborso delle spese relative ai traslochi o a titolo di indennizzo per i danni riportati dai beni mobili a causa del sisma, il Comune si e' rivalso proprio su questi crediti, in modo da esercitare un recupero sicuro e immediato. La nostra iniziativa, per contrastare la morosita' e recuperare quanto spetta all'ente, prosegue senza sosta. L'ho detto piu' volte e lo ribadisco con forza. E' inaccettabile - ha concluso Cialente - che i cittadini onesti, le persone perbene che pagano regolarmente le tasse e le proprie utenze private, debbano addossarsi gli oneri di chi, pur essendo in condizioni di farlo, non paga, determinando un danno per l'intera collettivita'. Ricordo, infatti, che per le morosita' incolpevoli, da parte di cittadini in difficolta' economiche, il Comune dell'Aquila ha previsto sostegni per oltre 1 milione di euro».