Italia-Olanda si giocherà a Pescara. Federcalcio: «noi vicini all’Abruzzo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3357

ABRUZZO. Il prossimo 14 novembre si giocherà a Pescara l’amichevole Italia-Olanda. «Una testimonianza di solidarietà nei confronti dell'Abruzzo».

Sarà anche questo l'amichevole Italia-Olanda in programma sabato 14 novembre allo stadio Adriatico di Pescara con inizio alle 20,50.
«A iniziative in favore del territorio abruzzese colpito dal tragico terremoto dell'aprile scorso - si legge in una nota della Federcalcio -, la Figc ha già destinato l'incasso della recente gara di qualificazione ai Mondiali tra Italia e Bulgaria disputata a Torino».
Nell'ambito di un programma di finanziamento per la ristrutturazione e la riapertura degli stadi danneggiati dal sisma, la Federcalcio sta già operando sul territorio in collaborazione con il proprio Comitato Regionale e le Amministrazioni comunali: sulla base dei progetti presentati, verranno utilizzati per il ripristino dei campi e delle sedi sportive anche i fondi messi a disposizione dalla Uefa.
E questa mattina è stata presentata ufficialmente all'Aquila il consorzio “Prodotto a L'Aquila” dalla presidente e la vice presidente, rispettivamente Natalia Nurzia e Roberta Pietrantonj, due giovani imprenditrici locali, con una tradizione ed una storia centenaria alle spalle.
«Un segnale importante per le nuove generazioni – ha commentato il direttore di Confcommercio Celso Cioni - ed un nuovo approccio socio-economico, strettamente legato alla promozione territorio».

«PERIMETRAZIONE DELLA ZONA ROSSA»

La Confcommercio nazionale ha creduto nell'iniziativa, e molti fondi continuano ad essere raccolti dalle associazioni di categoria nel Paese, per sostenere i prodotti aquilani.
Ma è necessario, per il direttore Cioni «non commettere gli errori del passato, in questa nuova fase di sostegno, finanziando imprenditori di fuori che lasceranno il territorio, garantendo invece contributi e sgravi a chi è nato qui».
Confcommercio chiede anche un rinnovato impegno alla Regione Abruzzo, perché si arrivi a proporre pacchetti turistici, legati al territorio e ai propri prodotti: «la zona franca dovrà essere costruita con logiche diverse – ha proseguito Cioni – bisogna sostenere l'economia locale, ed anche la Regione dovrà convincersi che questa, è la strada giusta per lo sviluppo».
Nel corso della conferenza stampa, Celso Cioni ha anticipato che sarà richiesta ufficialmente una riperimetrazione della zona rossa, nel centro storico dell'Aquila, in modo che si amplino le aree praticabili in centro, dove possano ricominciare le piccole attività commerciali.
«Stiamo accelerando i progetti a Bazzano e a Piazza d'Armi – ha concluso il direttore – perché possano ripartire anche altre attività, nei villaggi che abbiamo progettato; ma occorre una maggior interazione con le istituzioni, anche in riferimento alla delibera comunale che fissa a tre anni, il termine massimo per l'insediamento di attività commerciali in via provvisoria».
Un margine troppo breve, per la Confcommercio, considerato che se si investirà per dodici anni, le attività non avranno la certezza di poter ammortizzare i costi sostenuti per gli investimenti.

PROROGATO CONCORSO PER 84 POSTI AL COMUNE

Il servizio Risorse umane del Comune dell'Aquila ha reso noto invece che il termine di presentazione delle domande di partecipazione alle selezioni a tempo determinato per complessive 84 unità di personale e' stato prorogato a lunedi' 19 Ottobre 2009, ore 12.00.
Le domande inoltre possono essere spedite anche tramite raccomandata con avviso di ricevimento, oltre che consegnate a mano.
Rimane invariato l'indirizzo, che e' quello indicato nei 10 bandi pubblicati sul sito internet, www.comune.laquila.it.
Qualora si scelga la raccomandata, farà fede la data indicata nel timbro a data apposto dall'ufficio postale accettante.
Il Comune precisa anche che, ferma restando la scadenza al 30 Giugno 2010 dei contratti a tempo determinato da stipularsi, come previsto dall'ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri n. 3808 del 15 settembre 2009, le graduatorie dei concorsi rimarranno efficaci per un termine di tre anni dalla data di pubblicazione delle stesse.
14/10/2009 14.20