Arrivano 3,5 mln, riparte la stagione sciistica sul Gran Sasso

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1488

L’AQUILA. La stagione sciistica potrà ripartire. Lo rende noto il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente. Salvati 40 posti di lavoro.


Il Comune ha reperito il finanziamento da tre milioni e mezzo di euro – come ha spiegato il sindaco dell'Aquila – necessario per effettuare la revisione generale e i lavori di ammodernamento dell'impianto della funivia.
I fondi sono stati messi a disposizione dalla Protezione civile.
«Ringrazio, ancora una volta, il commissario Bertolaso», ha detto Cialente, «che ha accolto le mie richieste e compreso la necessità di tutelare e rilanciare una delle principali risorse economiche del nostro territorio: il turismo estivo e invernale della nostra montagna».
La stagione sciistica potrà quindi ripartire regolarmente, garantendo la salvaguardia dei 40 posti di lavoro dei dipendenti stagionali del Centro turistico e delle circa 200 persone che lavorano nell'indotto sciistico, tra operatori turistici, maestri di sci ed esercenti.
«È stato compiuto – ha concluso Cialente – un primo passo necessario per il rilancio del bacino turistico del Gran Sasso. Un atto che troverà continuità progettuale e strategica nel potenziamento dell'aeroporto di Preturo, altro anello fondamentale nelle politiche di sviluppo turistico e di ricostruzione del tessuto sociale, economico e occupazionale».
Oltre alla Protezione civile, il sindaco ha ringraziato i vertici del Centro turistico Gran Sasso, sia quelli attuali che quelli uscenti, che hanno lavorato e collaborato fattivamente a questo risultato.
«Ricordo che il mandato da me assegnato al nuovo Cda dell'azienda, fondamentalmente, si concentra su tre punti: assicurare l'apertura della funivia alla ripresa della stagione invernale, privatizzazione del Ctgs, secondo quanto stabilito dal Consiglio comunale, salvaguardia dei livelli occupazionali».
I lavori di revisione e ammodernamento della funivia riguarderanno anche l'illuminazione della linea, che renderà possibile anche il servizio notturno, e l'ottimizzazione del trasporto delle persone diversamente abili.
Il presidente del Centro turistico Gran Sasso Vittorio Miconi ha espresso il proprio ringraziamento al sindaco. Il presidente, parlando anche a nome dell'intero consiglio di amministrazione, ha rimarcato l'importanza del provvedimento, in riferimento alla tutela dei livelli occupazionali e della salvaguardia del potenziale economico e turistico del bacino sciistico del Gran Sasso.
«Il Contributo riconosciuto dalla Stato italiano per la riapertura dell'impianto – ha detto il presidente - unitamente all'immagine sfondo del nostro massiccio, utilizzata nel recente vertice G8, ci forniscono la misura della importanza che viene tributata al Gran Sasso, quale patrimonio naturalistico, ambientale e turistico, della nostra nazione. Spetta adesso a noi Aquilani prenderne giusta consapevolezza e farne, nel più breve tempo possibile, con tenace lavoro ed orgoglio di “gente di montagna”, il baluardo della nostra ricostruzione».
18/09/2009 12.04