La "Julia" accoglie in Friuli i suoi Alpini abruzzesi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1952

ABRUZZO. Dalle tendopo alla vecchia caserma: storico ritorno in occasione del 60° della Brigata. Saranno ospitati a Tarvisio

Metteranno da parte la tristezza delle tendopoli per tornare a vivere le memorie del servizio di leva.
Oltre 200 Alpini abruzzesi in congedo, colpiti dal terremoto dell'aprile scorso e attualmente senza casa, troveranno, sia pure momentaneamente, un tetto accogliente e “familiare” nella caserma nella quale prestarono servizio militare.
Ad offrire loro questa occasione, in concomitanza con le celebrazioni del 60° anniversario della sua costituzione, è la Brigata Alpina “Julia”, storicamente legata agli Alpini abruzzesi che di essa hanno sempre fatto parte fino al 1997.
L'ospitalità a Tarvisio (Udine), cittadina nella quale prestavano tradizionalmente servizio le “penne nere” abruzzesi del Battaglione “L'Aquila”, sarà garantita grazie alla collaborazione con l'Associazione Nazionale Alpini (ANA) e l'Amministrazione Comunale tarvisiana.
«Si tratta di un gesto semplice e simbolico, ma molto importante – afferma il Generale Gianfranco Rossi, Comandante della Brigata “Julia” -  perché con esso vogliamo dimostrare vicinanza e solidarietà alla sfortunata terra d'Abruzzo, nella quale per decenni ha reclutato la “Julia” e della quale proprio gli Alpini sono sempre stati tra i principali custodi di alti valori, di estrema tenacia e dignitosa concretezza».
Gli Alpini abruzzesi nella mattinata dell'11 settembre saranno accolti a Tarvisio dalle autorità militari e civili e la sera, una delegazione sarà salutata nel Teatro Comunale “Giovanni da Udine” nell'ambito dell'apertura delle celebrazioni del 60° anniversario della “Julia”.
L'occasione di tornare nei luoghi dove si è prestato il servizio militare costituisce sempre una forte emozione per un Alpino e in particolare per la popolazione aquilana che ha vissuto il dramma del sisma.
Gli Alpini, da sempre, hanno fornito il loro contributo alla Protezione Civile e sono in prima linea nell'organizzazione dei soccorsi e della ricostruzione.
Non è un caso che ad accogliere gli Alpini abruzzesi sarà la terra friulana, tradizionalmente gemellata nel segno delle “penne nere”, ma ora anche dalle ferite di un terremoto che colpisce oggi l'Abruzzo come colpì il Friuli nel 1976.
07/09/2009 11.07