Ecco le scuole provvisorie, 34 strutture per 6.000 studenti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4300

L’AQUILA. Sono stati avviati e procedono giorno dopo giorno i lavori nelle prime 17 aree in cui verranno realizzati i M.U.S.P. i Moduli ad Uso Scolastico Provvisori. Saranno pronti per l’inizio delle lezioni o si dovrà ricorrere ai doppi turni?




L'AQUILA. Sono stati avviati e procedono giorno dopo giorno i lavori nelle prime 17 aree in cui verranno realizzati i M.U.S.P. i Moduli ad Uso Scolastico Provvisori. Saranno pronti per l'inizio delle lezioni o si dovrà ricorrere ai doppi turni?



La riapertura delle scuole è ormai alle porte e per la Protezione Civile i moduli saranno pronti tra una decina di giorni. Ma in molti nutrono seri dubbi.
Una situazione tampone per una delle emergenze più gravi a ridosso dell'inizio dell'anno scolastico.
I moduli accoglieranno un totale di 6.000 bambini e ragazzi.
Le strutture previste nel primo bando sono per circa 4.300 alunni, quelle nel secondo per 1.700.
E per tutti gli scolari che restano fuori da questa alternativa si pensa già a doppi turni di lezione, con ingresso in quegli edifici che hanno retto alla scossa e sono stati dichiarati agibili.
Le scuole provvisorie saranno realizzate invece nei comuni di L'Aquila, Campotosto, Ovindoli, Rocca di Mezzo, Scoppito, Arsita, Popoli.

34 STRUTTURE PER 2 BANDI DI GARA

In tutto saranno 34 strutture, la cui costruzione è stata affidata con due bandi di gara in piena estate: il primo ha assegnato 27 lotti, il secondo, terminato il 27 agosto, ne ha assegnati altri 7 adibiti a scuole più uno ad uffici.
In alcuni lotti si sono già montati i pilastri portanti come nel numero 10 in cui verrà edificata la scuola elementare “Circolo Amiternum”, nel numero 16 in cui sorgerà la scuola d'infanzia ed elementare “Circolo Silvestro” de L'Aquila.
Pronte per l'innesto dei pilastri anche le basi del lotto numero 13 con la scuola d'infanzia e primaria "E. De Amicis" e del numero 20 in cui sarà realizzata la scuola “S. M. degli Angeli Suore Francescane Bambin Gesù Micarelli”, che comprenderà dall'asilo nido alla scuola media.

I lavori sono stati avviati in altri 9 lotti, dove si sono già svolte le operazioni di sbancamento, cioè la preparazione del piano e la posa del “magrone”- un particolare tipo di calcestruzzo - e della fondazione su cui verranno realizzate le basi per i Musp.
Tra queste aree sono compresi anche i lotti che non si trovano nel Comune dell'Aquila ma a Ovindoli e Rocca di Mezzo.

I BANDI E I VINCITORI

Il primo bando si è concluso il 21 luglio scorso e ha assegnato un totale di 27 lotti, di cui 20 nel comune dell'Aquila, e 1 lotto per ognuno dei comuni di Campotosto, Ovindoli, Rocca di Mezzo, Scoppito, Arsita, Montebello di Bertona e Popoli.

Ciascuna impresa vincitrice oltre al trasporto e alla posa in opera dei moduli realizza i basamenti su cui poggiano i prefabbricati e si occupa delle opere di urbanizzazione necessarie a rendere funzionali le strutture come gli allacci alla rete fognaria, gas, elettrica e telefonica.
Il secondo bando, che si è concluso lo scorso 27 agosto, ha assegnato altri 8 lotti, di cui uno ospiterà un convitto nazionale e uno sarà ad uso uffici.
Le ditte vincitrici si sono spartite 110 milioni di euro. Solo il 18,89%, pari a 21 milioni di euro, è andato a ditte locali, l'81,11%, pari a 90 milioni di euro a ditte fuori regione.

Alla R.T.I. Cemit S.r.L. - Walter Frezza costruzioni S.r.L dell'Aquila sono andati tre lotti rispettivamente dal valore di 1.926.540 euro, 1.658.965 euro, 1.605.450 euro e 1.926.000 euro per un totale che supera i 7 milioni di euro.

Alla Monsud S.p.A. di Avellino è andata l'assegnazione di un lotto per un importo pari a 2.940.300,00.
Tre lotti, invece, alla R.T.I. Steda SpA (di Rossano Veneto)– F.lli Pessot Snc (di Treviso) per importi di 33.967.098,00 euro (l'importo più elevato) 5.066.600 euro e 2.323.200 euro.

Un lotto ciascuno anche all' A.T.I. CMP Costruzioni Metalliche Prefabbricate S.r.L. BTP Emidio Costruzioni S.r.L. dell'Aquila (7.528.290,00 euro), alla Algeco S.p.a di Bari (857.587,50)
Piancatelli & C. S.r.di San Severino Marche (570.900 euro), alla Modulcasa line S.p.A. di Parma (1.522.906) alla R.T.I. Spar -

Alla R.T.I. Spar – F.lli Savini S.r.L. di Isola del Gran Sasso sono andati invece 2 lotti di 5.333.350 e 3.076.755,00. Alla SRB Costruzioni S.r.L. di Monopoli altri 2 lotti da 4.308.920,00 euro e 167.750,00.
Infine 4 lotti alla Comi Srl di Bergamo (1.912.350,00 euro, 704.550,00 euro e 570.900) e altri 3 alla Catena S.r.L di Matera (717.024 euro, 621.819 euro e 634.392 euro)


Alessandra Lotti 03/09/2009 10.33

[url=http://www.protezionecivile.it/cms/view.php?dir_pk=395&cms_pk=16392]TUTTE LE PLANIMETRIE[/url]