Nasce Confedil con il "pacchetto ricostruzione"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3050

L’AQUILA. Confedil, il nuovo consorzio che raggruppa circa trenta operatori del settore edilizia della provincia, nasce per contribuire da protagonista alla ricostruzione della città e delle zone colpite dal terremoto.


L'iniziativa, proposta dalla Federazione degli artigiani “Ara Confesercenti” e patrocinata dalla Cooperativa artigiana di garanzia L'Aquila, si avvarrà di importanti istituti di credito locali e tecnici qualificati e professionisti.
Roberto D'Agostino, presidente provinciale degli artigiani di Confesercenti, sottolinea «lo sforzo dell'associazione per mettere “insieme” gli imprenditori, in particolare il ricostruire la filiera delle costruzioni, unendo più settori come edilizia, impiantistica, marmi e così via. Gli artigiani consorziati saranno più forti ed organizzati, ed avranno l'opportunità di cogliere il lavoro che scaturirà dal drammatico evento che ha colpito la provincia».
Anche le spinte e l'apporto delle strutture di Confesercenti, secondo il presidente di Confedil Domenico Venditti, già vicepresidente di Confesercenti L'Aquila, «apriranno enormi opportunità di lavoro per il consorzio».
Difatti, alla luce delle nuove ordinanze relative all'inagibilità degli edifici classificati di tipo “E”, il gruppo di Confesercenti mette a disposizione di imprese e cittadini aquilani un vero e proprio pacchetto completo: dai tecnici che rilasciano perizie e certificazioni alle imprese di fiducia del consorzio per l'esecuzione dei lavori, ma anche aiuto burocratico per i rapporti con la Pubblica amministrazione ed una mediazione con le cooperative e gli istituti di credito per linee speciali di finanziamento, agevolate e garantite.
I componenti del neoeletto Consiglio di amministrazione di Confedil, che sottolinea la disponibilità ad accogliere eventuali nuove imprese, sono oltre al presidente Venditti, i colleghi Marcello Di Gregorio, Enzo Spadoni e Felice Izzi, tutti della zona dell'Aquila, ed Evandro Ciaccia, Luigi Maurizi, Giampiero Morgante e Romeo Eramo della Marsica e Vincenzo Caponio di Sulmona.
s.t. 24/07/2009 11.37