Parte il G8. Berlusconi: «sarà tutto perfetto. Con me 64% italiani»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1856

Parte il G8. Berlusconi: «sarà tutto perfetto. Con me 64% italiani»
L’AQUILA. Parte oggi il summit del G8 a L’Aquila. Il presidente cinese Hu Jintao, visto l'aggravarsi dei disordini nello Xinjiang, ha anticipato il suo rientro in Cina. * MERKEL E OBAMA AD ONNA * IL MENU: PASTA E VITELLO AL TARTUFO * LE FOTO: LA LOCATION * IL RESTYLING DELLA CASERMA DI COPPITO


Nessun G8 in passato è stato simile a quello dell'Aquila e difficilmente altri summit potranno somigliare a questo.
Non c'é soltanto la solidarietà e gli aiuti concreti che i Grandi daranno alla martoriata città abruzzese.
Sarà la città che potrà dare qualcosa ai leader, se i leader vorranno e sapranno cogliere la tensione morale che si respira forte nelle strade e nel coraggio della gente delle tendopoli. E da qui che i leader politici potrebbero e dovrebbero ripartire per dare un senso a un vertice che giustamente vuole rendere omaggio all' Aquila
Una grande scritta “Yes, we camp” (sì, siamo attendati), con lettere alte dieci metri, sarà realizzata sulla collina di Roio, ben visibile dalla caserma della Scuola della Guardia di finanza, dagli aderenti al Comitato cittadino spontaneo "3 e 32".
Un folto gruppo di giovani è partita stamattina presto alla volta di Roio per attuare la clamorosa azione che fa il verso alla celebre frase utilizzata in campagna elettorale dal presidente Obama “Yes, we can”.
L'iniziativa non é stata autorizzata ed è possibile che le forze dell'ordine decidano di bloccarla.

LE CREPE NEL G8 a cura di ActionAid from Alice Grecchi on Vimeo.



Il posto scelto e le modalità sono state decise proprio per l'occasione, con l'avvio delle attività del G8 e l'arrivo dei grandi della Terra.
Intanto l'aggravarsi dei disordini nella regione dello Xinjiang ha causato il rientro anticipato in Cina del presidente della Repubblica popolare Hu Jintao, ieri impegnato in alcune visite in Toscana. Ci sarà invece, per la prima volta, il premier spagnolo José Luis Zapatero, invitato da Silvio Berlusconi.
Sarà solo per la parte finale della riunione allargata a diversi altri paesi e organismi internazionali sulla sicurezza alimentare.
Ma per Madrid è comunque un successo 'storico' sul cammino di un riconoscimento crescente del ruolo internazionale della Spagna.
Ora quello al G8 degli Abruzzi, è particolarmente importante per Madrid a pochi mesi dall'inizio, in gennaio, del suo semestre di presidenza dell'Ue. La partecipazione di Zapatero ha suscitato anche polemiche. La stampa di centrodestra l'ha accusato di andare all'Aquila per fare da figurante, l'ultimo giorno, per un dibattito di poco più di un'ora sulla fame nel mondo, quando i grandi avranno finito di parlare della crisi e delle questioni politiche più importanti.
Prima di partecipare al vertice degli otto grandi,il presidente americano Obama visiterà le zone terremotate del capoluogo abruzzese, come farà anche il presidente russo Dmitri Medvedev.
La cancelliera tedesca Angela Merkel sarà invece ad Onna.
Sempre oggi, dopo l'udienza generale in Vaticano, papa Ratzinger riceverà le first lady in Italia per il vertice del G8 all'Aquila. Le signore, insieme al marito della Merkel, saranno poi ospiti del sindaco Alemanno per una colazione sulla terrazza del Campidoglio.




BERLUSCONI: «SARA' TUTTO PERFETTO. 64% ITALIANI CON ME»

Per il premier Berlusconi, invece, il G8 parte sotto i «buoni auspici». Il Cavaliere ha passato l'intera giornata di ieri nella residenza di palazzo Grazioli, a studiare i dossier e a incontrare i più stretti collaboratori.
Poi, per scrollarsi di dosso l'immagine di un presidente del G8 nell'angolo, stretto sotto l'assedio degli scandali personali e delle critiche per l'organizzazione del summit, ha convocato i giornalisti a palazzo Chigi.

Motiva il suo ottimismo citando tre elementi. Il primo è il miglioramento dei rapporti fra Usa e Russia che, sottolinea, «premia anche gli sforzi» dell'Italia.
A dargli fiducia, poi, c'é il messaggio di papa Benedetto XVI che lui stesso porterà ai leader e in cui, ricorda, il Santo Padre elogia la scelta di trasferire il vertice a L'Aquila.
Un modo per sottolineare che, nonostante la presa di posizione di alcuni alti prelati, il Vaticano non è critico nei suoi confronti.
Infine, come ultimo motivo di ottimismo, Berlusconi cita i sondaggi da lui commissionati che gli attribuiscono un gradimento del 64,1%.
Consensi che, sottolinea con orgoglio, hanno solamente leader del calibro di Barack Obama, Luis Inacio Lula o Dmitri Medvedev.
Numeri, aggiunge, che dimostrano come «gli attacchi di certa stampa» non abbiamo intaccato la sua immagine, almeno in Italia. Quanto al summit, il Cavaliere assicura che al vertice non ci saranno intoppi organizzativi: «Non c'é nessun pericolo per i rischi di eventuali terremoti perché gli edifici sono antisismici».



La sua convinzione è che i media stranieri non condizioneranno il vertice, visto che i leader non credono alle «calunnie» di certa stampa: «I miei colleghi conoscono bene i giornali e sanno valutarli», osserva il premier che, come altre volte, attacca l' editore de 'La Repubblica' dopo che un cronista del quotidiano gli aveva chiesto lumi in proposito: «Mi sembra strano che la domanda venga da uno che appartiene al suo gruppo editoriale che prima butta addosso delle calunnie, delle menzogne, dalle minorenni in poi, e poi se la prende con chi le riceve, perché queste calunnie fanno male all'Italia».


08/07/2009 9.09

COSTANTINI (IDV): «PESSIMA FIGURA PER COLLEGAMENTI CON ROMA»

Ripercussioni negative per l'Abruzzo potrebbero arrivare, secondo il consigliere regionale dell'Idv, Carlo Costantini, anche a causa delle difficoltà di collegamento tra l'Aquila e Roma.
«Con il G8», scrive Costantini sul suo blog, «visibilità internazionale anche per la vergogna degli accessi dall'Aquila alla Capitale»
Il consigliere sottolinea che giornalisti e delegazioni, provenienti da Roma, «subiranno le conseguenze del disastro che vivono le migliaia di abruzzesi che quotidianamente vanno o tornano da Roma».
«Ne ero consapevole il 3 marzo 2009», continua Costantini, «quando ho presentato in Consiglio regionale una risoluzione urgente che impegnava il Presidente della Regione ad avviare una attività di monitoraggio costante e periodica in ordine all'andamento delle pratiche burocratiche ed amministrative propedeutiche all'inizio dei lavori per la realizzazione della complanare all'asse autostradale in questione, nonché a rendere pubblici e disponibili per i cittadini e le imprese abruzzesi, con periodicità almeno mensile, i risultati dell'attività di monitoraggio».
La risoluzione è stata approvata con il voto favorevole del presidente Chiodi ma dopo niente è cambiato.
«Da questo punto di vista», continua l'esponente dell'Idv, «il G8 costituirà una vetrina negativa e lo sarà anche per responsabilità di chi non solo non decide nulla, ma neppure si preoccupa di accertare e di rimuovere le cause che impediscono la realizzazione di una infrastruttura già pagata dagli utenti con pedaggi salatissimi».

08/07/2009 11.38

[pagebreak]

MERKEL E OBAMA AD ONNA

Sarà un G8 importante per L'Aquila perché tutti i riflettori del mondo saranno proiettati sulle zone terremotate.
Il cancelliere tedesco Angela Merkel sarà per le strade di Onna per vedere con i propri occhi il disastro provocato dal sisma del 6 aprile.
Al suo arrivo in Abruzzo per il vertice del G8 la cancelliera tedesca sarà accompagnata da Silvio Berlusconi nel paese che e' stato 'adottato' dalla Germania.



Berlino ha stanziato 3 milioni di euro per il centro di Onna, ma già diversi tra gli Otto Grandi si sono impegnati per la ricostruzione in tutta la provincia, soprattutto dei monumenti.
La Francia, ad esempio, ha scelto la chiesa delle Anime Sante, anche se l'importo dello stanziamento non e' stato ancora reso noto.
Secondo fonti diplomatiche sarà lo stesso Nicolas Sarkozy ad annunciarlo in occasione del G8. Anche il Canada e gli Stati Uniti hanno scelto l'uscita a effetto e annunceranno nelle prossime 24 ore qual e' il 'loro' monumento, anche se secondo indiscrezioni gli aiuti Usa potrebbero concentrarsi sulla chiesa di Santa Maria Paganica o sul Duomo con il pazzo arcivescovile .
I britannici, hanno fatto sapere fonti dell'ambasciata, si sono affidati alla scelta del World monument fund che indichera' quale edificio storico ha più bisogno.
A quel punto Londra farà da 'facilitatore' per la raccolta di fondi tra la comunità italiana nel Regno Unito e quella britannica a Roma.
Due società di progettazione e ristrutturazione, la Ec-Harris e la Bovis Land Lease, metteranno a disposizione gratuitamente le proprie consulenze.



Ieri anche la presidente della Provincia dell'Aquila aveva esortato i grandi della Terra a non «rimanere chiusi nel fortino inespugnabile di Coppito, creato su misura per voi. Non e' quello il cuore della città. Venite a visitare la vera L'Aquila e la sua gente. Venite a visitare il centro storico e le nostre meraviglie, che meriterebbero di essere nominate patrimonio dell'umanità. Ma andate anche al di là del muro della zona rossa, nelle tendopoli, tra la gente».
E il G8 come viene vissuto nelle tendopoli? C'è chi apprezza il fatto che gli uomini più potenti della Terra siano stati convogliati al centro del cratere ma anche chi ne è rimasto assolutamente indifferente.
«Le informazioni che ci vengono chieste continuamente è quali sono le strade aperte per capire se si può andare a lavorare o meno - spiegano i responsabili dell'ingresso della tendopoli di piazza D'Armi, la più popolosa della città con circa 1100 sfollati -, basta guardare negli occhi le persone per capire che il G8 è distante dai loro pensieri».
«Il G8 mi 'rimbalza' - dice un giovane intento a gettare un sacco di rifiuti -, speriamo solo che non ci procuri più disagi di quelli che viviamo tutti i giorni e che alla fine produca qualche aiuto in più per L'Aquila. Ne abbiamo bisogno».
E negli alberghi della costa e nella case private dove si sono rifugiate circa 20 mila persone le cose non vanno certo meglio: temendo i disagi legati ad una città blindata, gli sfollati che facevano i pendolari tra L'Aquila e la costa abruzzese in questa settimana non raggiungeranno il capoluogo. Il fenomeno si è avvertito chiaramente nella giornata di ieri quando L'Aquila è apparsa chiaramente «una città chiusa per il G8».
Un po' come la scritta «Statale 80 chiusa (G8)» in un cartello improvvisato posto all'ingresso dell'autostrada, nel casello dell'Aquila ovest, quello più vicino alla scuola sottufficiali della Guardia di finanza a Coppito, teatro del summit 2009.

08/07/2009 9.25
[pagebreak]

IL MENU: PASTA E VITELLO AL TARTUFO

Paste fatte in casa, formaggi, carni al tartufo e biscotti tipici: tutto made in Abruzzo.
I menù ufficiali delle colazioni e dei pranzi per i Grandi della terra che da domani saranno a L'Aquila per il G8 confermano l'intenzione del governo italiano di utilizzare prodotti provenienti dalla regione colpita dal terremoto.
Così la cena di oggi, prevede rigatoni con zucchine e pistilli di zafferano abruzzese, filetto di vitello alle erbe aromatiche, gelato all'italiana con lingue di gatto.
Il tutto accompagnato da Trebbiamo d'Abruzzo, Madonna Nera e Loré Illuminati.
Il menù del pranzo offerto dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano il 9 di luglio prevede invece come antipasto pomodoro tiepido con giuncata di Rivisondoli e basilico, maccheroncini alla chitarra con ragù all'abruzzese, vitello in crosta con tartufo estivo delle colline del Sangro, formaggi abruzzesi e un dolce chiamato cupola di Collemaggio, in omaggio alla basilica colpita dal terremoto.
Tra i vini il Torre Migliori 2004 riserva e il Cerasuolo Montepulciano d'Abruzzo doc.
Al loro arrivo all'Aquila, inoltre, i grandi riuniti per il G8 troveranno un omaggio personalizzato: una magnum di amarone Aneri 2003 racchiusa in un cofanetto di legno sul quale sono state impresse le iniziali stilizzate per ciascuno dei presidenti o primi ministri presenti al summit.
Tutti i pranzi ufficiali inizieranno inoltre con un brindisi con il Ferrari, le "bollicine" trentine, e come omaggio per gli ospiti è stato invece scelto un rarissimo Ferrari Perle Nero e un grappa Solera della distilleria Segnala.

08/07/2009 9.26