Piano C.a.s.e.: pubblicato bando, si cercano le ditte per la ricostruzione

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7354

Piano C.a.s.e.: pubblicato bando, si cercano le ditte per la ricostruzione
- COME SARANNO LE CASE - IL BANDO DI GARA - IL CAPITOLATO D'APPALTO -
L'AQUILA. Il dipartimento della Protezione Civile, per la fase di ricostruzione post sisma, ha avviato la selezione di quelle imprese che si occuperanno della progettazione e realizzazione di edifici residenziali con criteri antisismici.
Il bando di gara è stato pubblicato «in via di somma d'urgenza», per fronteggiare l'emergenza abitativa tutt'ora in atto.
Le nuove abitazioni e i quartieri previsti dal “Piano C.a.s.e.” Sorgeranno nelle prime venti aree individuate nel decreto del Governo numero 6 dell'undici maggio 2009.
L'appalto prevede la costruzione di trenta lotti su piastre isolate sismicamente.
Ognuno di questi sarà composto da cinque edifici per un totale di 150 strutture.
Ogni lotto avrà un valore complessivo di undici milioni di euro.
Ad ogni ditta contraente potrà essere assegnato un massimo di dieci lotti.
Uno invece è il numero minimo.


Visualizza Zone individuate per costruire nuove case a L'Aquila -terremoto in abruzzo in una mappa di dimensioni maggiori

Possono partecipare al Bando gli operatori economici che possiedono l'attestazione Soa-Categoria Og1 – Classifica VI.
Per l'affidamento di ciascun lotto il concorrente dovrà dimostrare di aver eseguito, nel triennio 2006/2008, i lavori con una tipologia costruttiva simile a quella proposta.
Il termine di presentazione delle domande è fissato al tre giugno prossimo alle ore 18.00.
Dalla consegna della piastra di fondazione, ogni operatore economico avrà poi tempo ottanta giorni per la consegna degli edifici.
Per quanto riguarda la fase di progettazione esecutiva, invece, dalla scelta dell'operatore dovranno trascorrere un massimo di ventotto giorni.
Il 3 giugno dalle ore 19.00, si procederà alla nomina di una apposita Commissione chiamata a decidere sulle aggiudicazioni.
Le offerte saranno valutate con l'attribuzione di un punteggio massimo di cento punti, suddivisi in 25 massimo all'offerta economica, 10 punti massimo per il tempo di esecuzione dei lavori e ben 65 all'offerta tecnica.
Da qui la Commissione stabilirà la relativa graduatoria finale.
Qualora il numero complessivo di lotti oggetto delle offerte ritenute valide risulti inferiore a trenta, l'amministrazione procederà ad una negoziazione con le imprese offerenti secondo l'ordine di graduatoria.

IL PIANO C.A.S.E.

Il piano C.A.S.E., complessi antisismici sostenibili ecocompatibili, è un piano innovativo per la progettazione e realizzazione nei comuni terremotati di nuove abitazioni e quartieri durevoli, tecnologicamente avanzati ed ispirati a criteri di risparmio energetico e protezione dalle azioni sismiche.
L'obiettivo del piano è quello di trovare, entro cinque o sei mesi al massimo, una sistemazione adeguata alle persone le cui abitazioni sono state distrutte o dichiarate inagibili.
Una struttura interforze vigilerà sul corretto svolgimento delle procedure contrattuali.
Questo anche per prevenire possibili infiltrazioni da parte della criminalità organizzata.
Il Commissario delegato sarà coadiuvato da quattro vicecommissari, ognuno con specifici compiti di intervento nel proprio settore di competenza.
I nuovi moduli abitativi sono caratterizzati da una nuova sottostruttura di fondazione, da dispositivi di isolamento ad elevata deformabilità e da una sovrastruttura che trasmette i carichi verticali alle fondazioni e risulta libera di muoversi nel piano.
Diversi i vantaggi nelle intenzioni dei progettisti.
Dall'isolamento orizzontale della sovrastruttura in tutte le direzioni, alla totale assenza di danneggiamento dei dispositivi nell'eventualità di fortissimo terremoto, con periodo di ritorno sui mille anni. Unendo a ciò l'abbattimento pressoché totale dei costi di riparazione a seguito di evento sismico.
La costruzione sulla piastra isolata è libera ed è possibile utilizzare qualsiasi tecnologia a pareti portanti. I tempi ridotti, ad ogni modo, conducono a privilegiare sistemi costruttivi prefabbricati, in particolare a secco.



L'edificio tipo dovrà avere un massimo di tre piani con una capacità abitativa di circa ottanta persone. La superficie lorda equivalente non potrà essere inferiore ai 1.650 metri quadri.
Nella parte sottostante di ogni piastra sono contenute le distribuzioni impiantistiche e parcheggi per 36 auto.
Il tempo di costruzione/assemblaggio delle strutture ultimate e funzionanti, come già detto, non dovrà superare gli ottanta giorni dalla data di consegna del piano di piastra.
Nel tempo verranno consegnate cinque piastre. La prima l'otto luglio 2009 con data ultima per il completamento fissata per il 26 settembre; la seconda il 28 luglio con edificio pronto e funzionante per il 16 ottobre; la terza piastra verrà consegnata il 17 agosto con data ultima per il completamento al 5 novembre 2009; la piastra quattro verrà posata il 6 settembre, data ultima per la consegna il 25 novembre; l'ultima, la piastra cinque, verrà consegnata il 26 settembre con data ultima per il completamento fissata al 15 dicembre 2009.


Andrea Sacchini 23/05/2009 12.26



IL BANDO DI GARA




CAPITOLATO D'APPALTO