Trasporti. Ruffini (Pd): «gratuità e più corse per tutti gli studenti aquilani»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1449

L'AQUILA. Il consigliere regionale Claudio Ruffini richiede il potenziamento delle corse regionali Arpa e l'estensione della loro gratuità a tutti gli studenti iscritti all'Università degli Studi di L'Aquila.



Al momento i cosiddetti fuorisede non possono usufruire dei viaggi gratuiti verso il capoluogo di regione o verso le sedi universitarie dislocate in tutto il territorio abruzzese.
«Voglio informare di alcune criticità riguardanti la mobilità della nostra regione verificatesi a seguito del sisma del sei aprile scorso» – commenta Ruffini inoltrando formale richiesta al commissario straordinario Guido Bertolaso e all'assessore regionale dei trasporti Giandonato Morra – «la mia segnalazione prende spunto dopo aver partecipato ad una giornata di solidarietà organizzata da tutte le associazioni studentesche dell'Università di Teramo e L'Aquila in favore degli studenti aquilani. Nel corso dell'incontro sono emersi diversi problemi».
«Nel concreto» – prosegue il consigliere regionale – «le difficoltà maggiori sono legate ai collegamenti pubblici verso le località scelte come sedi universitarie provvisorie come Sulmona, Avezzano, Carsoli e Celano. Raggiungere questi centri è molto difficile. I collegamenti dalla costa sono pochi ed inadatti alle esigenze degli studenti. Occorre aumentare e rafforzare i collegamenti pubblici verso le sedi universitarie di Avezzano, Celano, Sulmona e Carsoli, prevedendo almeno un collegamento diretto verso queste sedi dalla costa teramana».
Presa ad esempio dal consigliere regionale la tratta Giulianova-Avezzano in cui, in autobus, si è costretti ad arrivare a L'Aquila per il cambio vettura. Il viaggio, come indicato, ha una durata di tre ore e venti minuti. Difficoltoso anche il ritorno. Le corse sono poche e non permettono agli studenti di frequentare le lezioni pomeridiane.
La frequenza delle corse non è però l'unica priorità come spiega Ruffini in conclusione: «altra esigenza è l'estensione del servizio pubblico gratuito a tutti gli studenti universitari iscritti alle facoltà di L'Aquila. Tale beneficio è necessario ed auspicabile al fine di disincentivare il trasferimento dei ragazzi in altri atenei».

23/05/2009 10.51