Mistero su video Giuliani:«era su Youtube, c’erano tagli: ho denunciato quello»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

9440

L’AQUILA. Resta il mistero sul video che ieri annunciava una scossa devastante che sarebbe stato caricato su You Tube e nel mirino della polizia postale, dopo la denuncia del tecnico Giampaolo Giuliani. LA REGIONE:«MAI FATTO SGOMBERARE FABBRICHE» * LA MAPPA DEI TERREMOTI IN TEMPO REALE
Ieri è stata una giornata di panico per la provincia dell'Aquila. Si sono diffuse per tutto il giorno false notizie, incontrollabili, di imminenti scosse devastanti.
Al centro delle polemiche anche un fantomatico video di cui oggi non c'è più traccia.
Secondo il tecnico studioso del radon in quel filmato sarebbero state montate insieme, non si sa da chi, vecchie sue dichiarazioni che gli avrebbero fatto annunciare una scossa devastante per il 26 o 27 aprile. Un falso che però in poche ore avrebbe scatenato il panico.
Quel video è stato visto personalmente da Giuliani su You Tube, così ha raccontato lui, che lo ha trovato digitando nei motori di ricerca di “radon 27 aprile”.
Secondo lui potrebbe essere stato cancellato dalla stessa persona che lo ha caricato.
Ma quando? Di sicuro prima delle 21 di ieri, quando, dopo una veloce verifica l'unico video a saltare fuori era quello del blogger Claudio Messora, pubblicato tre volte ma in tutte e tre le versioni perfettamente identico.
Ma sta di fatto che il tecnico questa mattina ha smentito che il video contestato sia quello del blogger Claudio Messora, inserito ieri anche sulle pagine di PrimaDaNoi.it. Dunque si cerca questo altro video che a giudicare dal panico generato devono aver visto in molti.



«Penso di poter smentire categoricamente che la mia denuncia si riferisca al tuo video», ha detto stamattina il diretto interessato a Messora, «ho visto la tua intervista che corrisponde a quanto ti avevo detto telefonicamente».
Ma chi possono essere i responsabili di quell'altro video a quanto pare volontariamente manomesso?
Giuliani una idea se l'è fatta: «sono le persone che da più di un mese fanno previsioni a mio nome per annunciare eventi catastrofici che io non farò mai con quelle modalità».
E ieri è stata una giornata concitata anche per Messora: «qualcuno ha voluto attribuire al mio sito quella falsa intervista, devo ancora capire perché. Il mio blog», spiega ancora, «ieri è diventato completamente irraggiungibile. E' rimasto così fino a notte fonda, senza motivazione apparente e nonostante i ripetuti riavvii del server. In rete», scrive ancora il blogger, «qualcuno ha iniziato a far circolare la voce che io ho manipolato l'intervista e ho predetto eventi catastrofici».
«Diffido tutti i giornalisti», ha detto ancora Giuliani, «a diffondere qualsiasi annuncio di future scosse se queste non usciranno direttamente dalla mia bocca».
Una storia non senza enigmi di sorta che si spera abbia insegnato, a quanti ieri hanno avuto paura, a leggere attentamente e ad informarsi dalle fonti ufficiali e dalle testate giornalistiche.

a.l. 28/04/2009 14.39

[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=20423]L'INTERVISTA DI IERI[/url]

LA REGIONE:«MAI FATTO SGOMBERARE FABBRICHE»

E la Regione oggi chiarisce di non aver ordinato alcuno sgombero né di fabbriche né di abitazioni nel timore di nuove scosse.
La Regione Abruzzo precisa che «non ha mai lanciato alcun allerta relativamente alla possibilità di ulteriori scosse e puntualizza che gli eventi sismici sono di natura imprevedibile e che non esistono, allo stato, sistemi o procedure di previsione e di allertamento. Allo scopo di evitare il diffondersi di tali voci, con conseguente infondato allarme da parte della popolazione, si invita a diffidare di informazioni di questo tipo».