Prime prove di normalità, sabato Massimo e Annachiara si sposano

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1367

L’AQUILA. Sabato prossimo sarà celebrato il primo matrimonio civile dal giorno del terremoto.


Anche in questo modo gli aquilani provano a reagire e non arrendersi alla tragedia. Alla scuola “Collodi” si sposeranno Massimo Marinelli, 33 anni, ingegnere architettonico, e Annachiara Aio, 32 anni che hanno deciso di coronare il loro sogno d'amore, malgrado tutto.
Intanto oggi l'Asm, con l'ausilio dei vigili del fuoco, inizierà l'operazione di rimozione dei prodotti di carne e pesce da macellerie, pescherie e ristoranti situati nel centro storico.
L'intervento è necessario per ragioni di carattere igienico-sanitario e durerà per alcuni giorni. E' stato messo a disposizione dei proprietari di negozi anche un numero di telefono (085-2950141) per concordare l'appuntamento con gli incaricati dell'Asm.
Da ieri, invece, ha aperto il primo albergo della zona centrale: l'hotel Federico II, dopo tutte le verifiche del caso è stato dichiarato agibile.
L'Officina Musicale dell' Aquila, invece, ha fatto sapere che terrà i concerti previsti nei prossimi giorni 17 e 18 aprile, come da programma. Il maestro Orazio Tuccella ha insistito molto perché le date dei concerti venissero rispettate soprattutto per dare un segnale di continuità e di non abbandono a questa terra.
La collaborazione di molti permetterà di tenere i concerti direttamente nelle tendopoli, il primo il giorno 17 alle ore 15,30 alla tendopoli di Piazza d'Armi a L'Aquila, mentre la replica del 18 aprile, inizialmente prevista a Rocca Calascio, si volgerà alla tendopoli di Calascio alle 11,00 di sabato. Il programma originale del progetto “L'Aquila Città Territorio”, prevedeva una serie di concerti a L'Aquila, a Rocca Calascio e a Santo Stefano di Sessanio, borghi nei quali l'Officina Musicale è Ensemble in Residence.
Mentre proseguono i sopralluoghi sulle agibilità, condotti da tecnici della Protezione civile, il Comune ricorda che è comunque consigliabile formulare la richiesta nella scuola “Collodi” di via Aldo Moro. Per informazioni, si può chiamare lo 0862-412470.
I Vigili del Fuoco hanno istituito cinque punti di riferimento mobili per le persone interessate al recupero di masserizie all'interno delle loro abitazioni o dai locali. I punti in questione sono situati alla Fontana luminosa, a via XX settembre (all'altezza di palazzo di Giustizia), alla villa comunale, nel quartiere San Francesco (all'angolo di via Colagrande) e a via Amiternum (quartiere di Pettino, vicino all'incrocio con via Piccinini). Per informazioni, si può chiamare il numero 0862-61857.

LA VIA DEL COMMERCIO

Intanto Confesercenti organizza la prima Via Commerciale a ridosso delle mura
«Chiediamo alla Provincia, al Comune ed alla Protezione civile di dare immediata priorità alla ripresa di funzionalità del centro storico. La riapertura delle attività commerciali e artigianali dentro le mura è un fattore determinante per la ripresa della vitalità dell'Aquila», ha detto ieri Bruno Basile, vicepresidente provinciale di Confesercenti e del Consorzio Commercianti del Centro storico dell'Aquila. Nel frattempo, per dare una prima risposta alla voglia di ripresa della città, la Confesercenti aquilana - grazie al contributo della presidenza nazionale dell'associazione di categoria - sta organizzando la prima Via Commerciale: un gruppo di casette in legno che ospiteranno alcuni esercizi commerciali in via provvisoria, a ridosso delle mura. «Con la Provincia stiamo valutando il luogo adatto per ospitare questa via Commerciale a ridosso delle mura» dice il direttore provinciale di Confesercenti Filippo Ciancone, «ma la nostra è una soluzione tampone: non vogliamo che il commercio si trasferisca in via permanente in queste strade. La nostra vuole essere una primissima risposta di vitalità: alle istituzioni chiediamo di poter tornare al più presto nelle strade del centro storico per far ripartire L'Aquila».
17/04/2009 10.36