Terremoto, l'esperto: «impossibile previsione su base storica»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2692

L'AQUILA. Ha riacceso la paura del "Grande terremoto", quello avvenuto all'Aquila nel 1703, il sisma avvenuto la notte tra mercoledì e giovedì a 20 chilometri da Sulmona.

Ma per i sismologi qualsiasi previsione sulla base di parallelismi storici è infondata. Il terremoto del 1703 era stato infatti il risultato di una sequenza iniziata molto tempo prima e, se molti ora temono che la storia possa ripetersi, «i sismologi hanno abbandonato questi parallelismi da almeno 20 anni», ha detto il funzionario di Sala simica dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Francesco Mele.

«Fino agli anni '80 la sismologia puntava ancora molto sulla possibilità di prevedere i terremoti», ha spiegato. Tuttavia ricerche su eventuali parallelismi, come quelle condotte negli anni '80 nella cittadina californiana di Parkfield attraversata dalla Faglia di Sant'Andrea, «non hanno portato a nulla».

Il terremoto avvenuto due notti fa, di magnitudo 3,1, «é stato abbastanza lieve» e la rottura della faglia che l'ha provocato, ha proseguito Mele, è stata «molto piccola. Di poche decine di metri, al massimo un centinaio».

«In Italia i terremoti di questo tipo sono circa 150 l'anno, al ritmo di uno ogni due o tre giorni» ha detto ancora l'esperto.

«Non ci si può allarmare per terremoti di questa magnitudo. Bisogna piuttosto considerare che tutta l'area attorno a Sulmona è ad alto rischio sismico», catalogata nella fascia di livello 1, mentre la zona dell'Aquila rientra nel livello 2.

«Attualmente - ha detto ancora - ogni previsione è fondata solo su periodi lunghissimi», sulla base che in certe aree è possibile che si accumuli una certa energia. «Per questo - ha concluso Mele- bisogna puntare sulla prevenzione, facendo tutto quello che è possibile per costruire con criteri antisismici e per mettere in sicurezza le case esistenti».

Intanto questa mattina la terra è tornata nuovamente a tremare. Precisamente alle 9.45 è stata avverita una scossa (magnitudo 2) nel distretto Monti della Laga tra i comuni di Amatrice, Barete, Campotosto, Capitignano e Montereale ad una profondità di 6,5km.

11/03/2011 10.28