Terremoto, «rassicurarono i cittadini»: rinviata l'udienza civile

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2158

L'AQUILA . E' stata aggiornata al 29 settembre prossimo l'udienza relativa alla causa civile intentata da 39 famiglie di vittime del sisma del 6 aprile scorso contro la Protezione Civile. *LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE, SPRINT FINALE PER LA RACCOLTA FIRME

L'accusa mossa è quella di aver rassicurato la popolazione nei giorni precedenti alla tragica scossa non facendo prendere precauzioni alla popolazione.

La richiesta complessiva è di 22 milioni di euro di risarcimento danni.

Ieri mattina il giudice ha deciso il rinvio per permettere agli avvocati delle famiglie di produrre la documentazione che provi le accuse.

La causa in sede civile è parallela a quella penale che vede indagati i componenti della commissione Grandi Rischi che di riunì all'Aquila il 31 marzo del 2009, cinque giorni prima del sisma, inviando messaggi rassicuranti ad un territorio alle prese da mesi con lo sciame sismico.

Nel corso dell'udienza, l'avvocatura dello Stato ha chiesto la sospensione del procedimento in attesa della definizione di quello penale, una istanza rigettata.

Ancora l'avvocatura ha presentato una memoria difensiva di 50 pagine per spiegare i motivi per i quali non hanno responsabilità i rappresentanti della commissione Grandi Rischi e quindi la stessa presidenza del Consiglio dei Ministri, principalmente per il fatto che l'evento sismico non era prevedibile e le dichiarazioni degli esperti non erano avventate.

Si terrà invece il prossimo 8 aprile l'udienza preliminare per discutere le opposizioni alle richieste di archiviazione, avanzate dal pm, nell'ambito del filone della maxi-inchiesta sui crolli del terremoto riguardante la Commissione Grandi Rischi, come ha deciso il gup Marco Billi nell'esaminare due opposizioni di archiviazione presentate dal pm Fabio Picuti.

Le richieste erano state presentate dai legali degli imputati alle quali appunto l’accusa si è opposta.

Nel corso del procedimento il giudice ha ritenuto di rinviare all'8 aprile l'udienza perche' in quella data verranno valutate anche altre cinque richieste di archiviazione. Si tratta di un'udienza-satellite rispetto a quella principale (fissata il 26 febbraio) nei confronti dei 7 imputati (per il mancato allarme) della commissione Grandi rischi.

18/02/2011 8.48

[pagebreak]

LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE, SPRINT FINALE PER LA RACCOLTA FIRME

 L'AQUILA. Sono passati tre mesi esatti dall’avvio della campagna per la raccolta firme per la presentazione della legge di iniziativa popolare sulla ricostruzione dell'Aquila e la messa in sicurezza del territorio nazionale.

Nel trimestrale della grande manifestazione del 20 novembre, il comitato promotore della legge organizza una serie di iniziative per il rilancio e la conclusione della campagna.

La prima iniziativa è uno straordinario sforzo organizzativo da parte dei volontari per portare la raccolta firme nei Progetti C.A.S.E. e in molte aree Map, al fine di agevolare i molti cittadini aquilani impossibilitati a spostarsi dai nuovi quartieri.

Per questo domenica 20 febbraio i banchetti per la raccolta firme saranno presenti nei progetti C.A.S.E. e in molte aree Map dalle ore 10 alle ore 13.30 – salvo qualche rara eccezione pomeridiana.

Per la certificazione delle firme hanno garantito la loro presenza molti consiglieri comunali.

Per il mese conclusivo della campagna, il mese di marzo, il comitato promotore sta poi organizzando una settimana straordinaria di raccolta firme in tutta Italia, con due giornate clou nelle domencihe del 27 febbraio e del 6 marzo.

Le numerose organizzazioni e associazioni che sono interventute all'Aquila nella giornata del 20 novembre o che in questi due anni hanno espresso la loro vicinanza alla città e alla cittadinanza attiva, daranno il loro contributo per la conclusione della campagna e il raggiungimento dell'obiettivo delle 50 mila firme necessarie per la presentazione della legge.

Ecco nel dettaglio Aree, orari dei banchetti e certificatori per la giornata del 20 febbraio:

 Mattina, dalle ore 10.00 alle 13.30

Cese di preturo – certificatore Angelo Mancini

Sassa – certificatore Corrado Sciomenta

Coppito 3 - certificatore Pierpaolo Pietrucci

Coppito 2 – certificatore Angelo Orsini

Pagliare di Sassa – certificatore Piero di Piero

S. Antonio – certificatore Stefania Pezzopane

Gignano – certificatore

S. Elia 1 – certificatore Salvatore Placidi

S. Elia 2 – certificatore Enzo Lombardi

Paganica 2 – certificatore Salem Ali

Tempera – certificatore Luigi D’Eramo

Collebrincioni – certificatore Fabio Ranieri

Bagno Monticchio M.a.p. – certificatore Giampaolo Arduini

Onna e S. Gregorio, aree M.A.P. – certificatore Pierluigi Pezzopane

Pianola M.a.p. – certificatore Guido Liris

S. Bernardino centro storico certificatore Vito Albani

 Pomeriggio, dalle ore 15.00 alle 18.30

Roio poggio – certificatore Antonello Bernardi

Roio 2 – certificatore Stefano Palumbo

Assergi – certificatore Pasquale Corrieri

Bazzano M.a.p. – certificatore Alfredo Moroni

 Sabato 26 febbraio Pizzoli, certificatore Domenico Ciammetti

 Domenica 27 febbraio Arischia, certificatore Giancarlo Vicini

 

18/02/2011 8.48