Ricostruzione, ecco i professionisti e le ditte più richiesti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

10950

L'AQUILA. Chi sono i professionisti che lavorano di più nella ricostruzione aquilana? La classifica la stila il sito 6aprile.it

Il Comune dell'Aquila ha messo sul proprio portale tutti gli elenchi dei contributi assegnati per la ricostruzione di edifici B, C, E. C'è il nome del proprietario della casa (ovvero il richiedente del contributo), l'indirizzo dell'abitazione danneggiata, il nome del professionista al quale è stato dato l'incarico per la ristrutturazione, la tipologia dell'immobile, il contributo richiesto e il contributo ammesso. Vengono infine indicati la tipologia di contributo (diretto o con finanziamento agevolato) e l'impresa che si occuperà dei lavori.

Quasi 700 le pagine da consultare. Il sito 6aprile.it ha stilato però, analizzando tutti i dati, chi sono i professionisti che lavoreranno di più in questa fase di rinascita della città.

1.000 gli interpellati dai vari cittadini che hanno subito danni, «per la maggior parte ingegneri (619), seguono architetti (194) e geometri (158)».

«La classifica dei 20 più impegnati», scrive Patrizio Trapasso, «come pratiche gestite, è guidata dagli ingegneri, con un numero di pratiche per ciascuno superiore alle 70, per immobili classificati B, C, ed E, con oltre 200 per il primo in classifica».

E' in pole position l'ingegner Antonello Salvatori che ha in mano 201 pratiche. Seguono Michelangelo Valente (145), Pierluigi De Amicis (139), Paolo Petrella (129), Marco Del Beato (120) e Sandro Perfetto (120).

«Non sempre», scrive sempre il sito 6 aprile, «ad un maggior numero di pratiche gestite corrisponde un finanziamento “richiesto” più elevato». E spesso quest'ultimo non coincide nemmeno con il contributo “ammesso”, ovvero verificato ed erogato dal Comune.

«Al 28 gennaio», scrive sempre Trapasso, «sono circa 551 milioni i contributi già ammessi, a fronte di quasi 858 milioni richiesti al 12 gennaio».

Ma il sito stila anche un'altra classifica, quella delle imprese (1200 quelle coinvolte in totale) più attive e che lavoreranno di più.

AI primi posti ci sono Valla a Sapere S.R.L. (244 pratiche), Del Beato & C. (163), Impresa Edile Ciotti Carlo (159), la Sima Costruzioni S.R.L. (130), la Lattanzi Costruzioni S.R.L. Di Roma (111), la Domus Dei F.Lli Gizzi Srl di Roma (107), la F.Lli Chiodi Costruzioni S.R.L. (106), il Consorzio Collemaggio Costruttori Scarl (105), la Soc. Molisana Inerti Conglomerati (102).

Al 28 gennaio, spiega Trapasso, sono 9.376 i contributi definitivi concessi dal Comune. «Le somme richieste per le 6819 pratiche “A” corrispondono ad €63.566.756,44. Per le pratiche “B-C-E” abbiamo un totale di somme accreditate pari ad €537.742.950,85 e riferite a 9.376 contributi definitivi rilasciati e registrati.
La ripartizione dei contributi definitivi: pratiche di tipologia “B” €416.097.362,01, tipo “C ” €63.546.410,50, tipo “E” €58.099.178,34. A questi dati vanno sommati €13.544.675 per le pratiche presentate antecedentemente al 20/08/2009.
Pertanto, la somma totale ammessa a contributo per le tipologie “B-C-E” risulta pari ad €551.287.625,85, mentre delle pratiche che necessitano di integrazione, 495 non risultano ancora pervenute a Reluis, 704 a Cineas».

03/02/2011 10.38