Ricostruzione, sindacati: «sui fondi Inail: sta al territorio proporre idee

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1388

L'AQUILA. Scelte partecipate e condivise. Trasparenza e spendibilità delle risorse a disposizione del cratere, con progetti che la comunità aquilana deve saper proporre ed elaborare in tempi brevi.

No alla speculazione. C'erano tutte le forze sociali dell'Aquila, sindacati e organizzazioni degli imprenditori, nella riunione che il Comitato di indirizzo e vigilanza dell'Inail nazionale ha convocato mercoledì a Roma, il primo incontro nel quale l'Istituto ha illustrato agli aquilani le strategie per investire nel cratere almeno due miliardi di euro.

Una somma ingentissima e reale, disponibile, alla quale potrebbero aggiungersi ulteriori risorse.

Sul fatto che gli investimenti dell'Inail nazionale debbano essere condivisi con questo territorio hanno concordato tutti, assicurano Cgil, Cisl e Uil. Anche perchè tanto più efficaci e credibili saranno le proposte, tanto più facile sarà spendere i finanziamenti.

«Per far questo però tutti noi, enti locali e forze sociali del cratere», hanno commentato i segretari delle sigle sindacali, «dobbiamo compiere un importante salto di qualità nelle proposte, facendole camminare velocemente su iter burocratici e amministrativi molto più rapidi che nel passato». D'altra parte lo stesso Comitato di indirizzo e vigilanza dell'Inail si è detto d'accordo con alcune priorità espresse dalla triplice: la nuova casa del welfare (che lo stesso istituto è disponibile a costruire subito e per il quale il Comune dovrà decidere velocemente la localizzazione), l'acquisto di immobili adibiti ad ufficio in locazione passiva per le pubbliche amministrazioni (dove sistemare uffici nazionali e locali evitando la speculazione), il recupero del tessuto urbano, le infrastrutture per l'università, gli interventi per il sociale.

«Da parte nostra – continuano i sindacati - non possiamo non sottolineare l'importanza degli investimenti Inail per la rinascita del territorio, e l'opportunità che si apre alla città. Quello di mercoledi' e' stato tuttavia soltanto il primo incontro, e il Civ dell'Inail (che ringraziamo per la disponibilita' e la tempestività dimostrata) ha già dato la sua adesione ad un prossimo incontro da tenere all'Aquila insieme agli enti e alle istituzioni locali. Le risorse dunque ci sono (a meno che il governo non le blocchi per altre motivazioni...), sta a noi essere capaci di proporre idee e progetti condivisi, sostenibili e credibili, da realizzare velocemente. Sta al territorio non lasciar cadere questa occasione», concludono Cgil,Cisl e Uil.

03/12/10 11.34