L’Aquila, Italia Nostra: «basta ai commissariamenti e alle bugie»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1800

L’AQUILA. «Basta ai commissariamenti, alle bugie e agli spot. L’Aquila è una catastrofe».

A dirlo è  Italia Nostra che denuncia «il reale stato in cui versa la città» e chiede la fine del commissariamento ed un vera e propria legge di ricostruzione. Mentre le istituzioni sfilano ed esportano il modello aquilano di recupero di patrimonio artistico  e culturale danneggiato(come ha fatto il vice commissario per i Beni culturali Filippo Marchetti in Giappone), il cuore della città , il suo centro storico, cade a pezzi. Oggi, a Palazzo Valentini, sede della Provincia di Roma le istituzioni Nicola Zingaretti, Massimo Cialente sindaco L'Aquila, Mons Giovanni D'Ercole vescovo ausiliario dell'Aquila, Ferdinando Di Orio rettore Univ L'Aquila, parlano de “L'Aquila, una storia da ricostruire”. Altro che ricostruzione, secondo Alessandra Mottola Molfino presidente di Italia Nostra , «sarebbero tutte trovate mediatiche per nascondere un buco nero». Alle porte del centro storico, sta nascendo una città provvisoria ma «le 19 new town sono costruite a scapito di terreni vergini, sprovviste di servizi sociali e lontani dal centro cittadino».

La colpa di questa situazione dopo 2 anni e 8 mesi per Italia Nostra è la gestione straordinaria attuale affidata Protezione civile, ai suoi commissari e alla mancanza di una vera e propria legge per la ricostruzione (con finanziamenti e regole di pianificazione e progettazione dell’intero territorio).

Il problema non sarebbe la mancanza di soldi ma di un progetto razionale ed ordinato.

«Chiediamo la tutela dei centri storici e del restauro urbano della città antica», dice Molfino, «che cessino le illegalità gestione straordinaria e che il vice Commissario per la tutela dei beni culturali de L’Aquila Filippo Marchetti si dimetta. L’Aquila è catastrofe del consumo di suolo e non modello scientifico da seguire in altre parti del mondo.  Invece Marchetti in Giappone voleva spacciarla come un modello scientifico di recupero e ricostruzione».

25/11/2011 17:54