Scuola Gdf Campomizzi pronta ad ospitare 2 mila allievi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1709

L’AQUILA. La Scuola ispettori e allievi marescialli della Guardia di Finanza di Coppito ospiterà da oggi altri 450 allievi ed entro i primi mesi del 2012 arriverà ad ospitarne 2mila.

Un risultato importante per la città che il sindaco Massimo Cialente saluta con orgoglio: « dona importanti prospettive per il futuro».

Cialente ha ricevuto la notizia dal comandante, generale Carmine Lopez. «La Scuola - ha aggiunto Cialente - costituisce da sempre una realtà fondamentale della nostra città e a questa struttura e ai suoi vertici vanno il ringraziamento e la gratitudine perenne della municipalità aquilana». Dopo il sisma del 6 aprile 2009 l’allora comandante, generale Fabrizio Lisi, aprì infatti la porta della caserma della Finanza di Coppito alla città intera, consentendo a tutte le istituzioni, dalla Prefettura agli enti locali, di proseguire la propria attività, divenendo un punto di riferimento per i cittadini in una fase drammatica, in cui tutte le sedi istituzionali erano crollate o gravemente inagibili. Successivamente la struttura ha ospitato il G8, ponendo la città dell’Aquila e il suo dramma, in quei giorni di luglio del 2009, al centro del mondo. In seguito è divenuta, ed è tuttora, sede di uffici e “casa” per i moltissimi aquilani ancora ospitati al suo interno. «Ricordo inoltre - ha proseguito il sindaco - che la Scuola ispettori e allievi marescialli della Guardia di Finanza, attraverso il suo Comando, è stata a fianco dell’Amministrazione comunale in un rapporto di strettissima e proficua collaborazione durante questi due anni e mezzo e ha ricoperto un ruolo fondamentale nel trovare una soluzione alla vicenda Tils, una battaglia che, come altre per il lavoro, mi ha visto impegnato in prima linea».

La scuola di alta formazione, ospitata fino al 6 aprile 2009 all’interno del complesso Reiss Romoli, ha infatti avuto una sede all’interno della caserma di Coppito e solo grazie a questa disponibilità i lavoratori sono potuti tornare all’Aquila, dopo essere stati costretti per mesi a fare i pendolari con Roma, ed è stata scongiurata la perdita di una realtà importantissima per il suo sviluppo e per i suoi valori identitari ed economici.

«In questi anni - ha dichiarato ancora il primo cittadino - abbiamo lottato perché la struttura di Coppito restasse una scuola di altissimo profilo per gli allievi ispettori e marescialli delle Fiamme Gialle e pertanto la notizia del suo significativo potenziamento è un risultato che conferisce ulteriore forza e prestigio a quella che è, da sempre, una delle principali risorse culturali ed economiche del capoluogo d’Abruzzo. Un risultato - ha concluso Cialente - per il quale dobbiamo ringraziare l’intero Corpo delle Fiamme Gialle e il generale Lopez, al quale va il nostro plauso per il lavoro svolto nell’interesse della Guardia di Finanza e della città dell’Aquila».

21/11/2011 17:24