Alla ricerca di alloggi per sfollati. E L'Enel rincorre i morosi senza casa

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1782

L'AQUILA. A dieci mesi dal terremoto si cercano ancora alloggi vuoti per sistemare gli sfollati.



Un ennesimo appello arriva dal vice commissario vicario, il sindaco dell'Aquila Massimo Cialente, che ha invitato tutti i cittadini a collaborare all'operazione finalizzata a individuare alloggi del piano Case o dei Map mai occupati o nei quali vivono nuclei familiari diversi da quelli ai quali sono stati formalmente assegnati.
Le segnalazioni possono essere effettuate in via riservata sia all'ufficio del piano Case, sia al Prefetto dell'Aquila.
Entrambi gli uffici sono situati all'interno della scuola della Guardia di Finanza.
«Vorrei sottolineare - ha dichiarato il vicecommissario - che non si tratta di un invito alla delazione, ma di un richiamo ad un complessivo senso civico e soprattutto di solidarietà nei confronti di migliaia di aquilani che in questa situazione drammatica ancora non hanno la speranza di un alloggio. Non è nemmeno un atteggiamento persecutorio nei confronti di nessuno, poichè ritengo che, se degli assegnatari non abbiano occupato degli alloggi o abbiano altre sistemazioni oppure non siano interessati a quella località, non debbano pesare sugli altri cittadini». A giorni verrà poi reso noto il primo rapporto rimesso dalle forze dell'ordine, che ha già evidenziato delle irregolarità che verranno perseguite. Intanto per rendere redditizio il proprio patrimonio, il Comune ha messo in vendita 18 lotti di terreni dislocati in alcune località del territorio (qui la lista)
Nell'atto vengono indicate le zone dove questi terreni sono situati, il prezzo a base d'asta, i giorni in cui verranno esaminate le offerte e le modalità per partecipare alla gara.
In particolare, la prima asta pubblica si terrà il 16 marzo 2010 alle ore 12,00, presso il servizio Espropri e Patrimonio sito in Via Ulisse Nurzia, Pile (Palazzina Gizzi).

L'ENEL VUOLE LE BOLLETTE DELLE CASE PERICOLANTI


Intanto alcuni cittadini aquilani sono stati contattati dall'Enel perchè le bollette delle case pericolanti non risultano pagate.
Il caso è stato segnalato da Gino Antognetti, militante radicale storico dell'Abruzzo, sfollato dalla sua casa dell'Aquila.
Su questa vicenda i deputati Radicali – Pd, primo firmatario Maurizio Turco, hanno depositato una interrogazione parlamentare urgente.
Antognetti da quando c'è stato il terremoto dell'aprile 2009, vive a Casabordino, la vecchia casa paterna senza riscaldamento, a causa delle condizioni di grave inagibilità della sua casa ubicata in Via Sturzo a L'Aquila.
Nei giorni scorsi l'uomo ha ricevuto dall'Enel diverse telefonate al numero di cellulare, peraltro intestato alla moglie, dove gli si chiedeva l'indirizzo di dove attualmente vive per potergli inoltrare le bollette dell'Enel a causa del fatto che quelle indirizzate in via Sturzo non erano state recapitate ed erano tornate indietro.
«Per quale motivo», chiedono i due deputati nelle interrogazioni, «l'Enel contatta le persone sfollate dalle loro abitazioni a causa del terremoto chiedendo dove poter recapitare le bollette dei consumi anche di periodi successivi al grave sisma che ha colpito la città dell'Aquila? Chi ha fornito all'Enel il numero di cellulare del signor Gino Antognetti intestatario dell'utenza Enel ma non del numero di cellulare che risulta intestato alla moglie? Quale correlazione vi è rispetto a quanto segnalato in premessa e i dati trasmessi dal Signor Gino Antognetti alle autorità riguardo la sua condizione di sfollato? Quali disposizioni ha dato il Governo agli enti di erogazione di acqua, gas, luce e telefono riguardo il rapporto da tenere con gli utenti e la loro drammatica situazione e condizione di vita, in particolare per coloro che non possono vivere nelle loro case a causa del terremoto? Quanti sono gli utenti contattati dall'Enel e quali provvedimenti il Governo intende prendere affinchè tali episodi non si ripetano? Chi ha fornito all'Enel i recapiti degli sfollati?»

16/02/2010 9.04