C.a.s.e.: i quartieri dormitorio senza fogne, liquami scaricati nei fiumi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8651

C.a.s.e.: i quartieri dormitorio senza fogne, liquami scaricati nei fiumi
L'AQUILA. Gli scarichi degli insediamenti del progetto C.a.s.e realizzati freneticamente nei mesi scorsi scaricano i liquami nei corsi d’acqua senza alcuna depurazione. * CONTRIBUTI A IMPRESE, GUARDA L'ELENCO DEGLI AVENTI DIRITTO
Le nuove cittadelle sorte dopo il 6 aprile con il passare dei mesi portano alla luce tutte le magagne.
Con l'investimento ingente fatto, magari ci si aspettava che tutto fosse perfetto. Invece da mesi si rincorrono lamentele di piccoli e grandi disagi, che riguardano strutture e finiture che già accuserebbero i primi problemi.
Già, perchè come avevamo ricostruito qualche mese fa, tutto il progetto C.a.s.e. è costato un po' più di 743 milioni di euro, tirando in ballo solo ed esclusivamente i soldi pubblici.
Tra le spese più alte quelle relative alla gestione del verde: sono stati spesi ben 14 milioni di euro.
Ma per le fognature, aspetto forse sottovalutato, il risultato è molto scarso.
La denuncia arriva dal presidio di Libera L'Aquila che nelle ultime settimane ha effettuato una serie di sopralluoghi a seguito di denunce e lamentela da parte degli inquilini dei nuovi quartieri.
«Abbiamo così verificato», spiega Angelo Venti, «che lo scarico delle fogne senza depurazione è reale almeno per i nuovi insediamenti di Bazzano, Sant'Elia, Paganica, Camarda e Assergi.
Più precisamente: il nuovo quartiere di Bazzano scarica direttamente nel fiume Aterno; quelli di Camarda e Paganica nel fiume Vera (affluente dell'Aterno), mentre l'insediamento di Assergi scarica, allacciandosi alle opere di scolo delle acque del ponte autostradale, nel fiume Raiale (affluente del Vera)».
Quasi una follia se si considera che spulciando alcuni dei documenti sugli appalti si scopre che le opere relative alla fognatura, solo per Assergi-Paganica, avevano un importo a base d'asta di 2,5 milioni.
Per gli altri insediamenti Libera non dispone ancora di dati certi, «ma da una prima ricognizione», spiega Venti, «la situazione non risulta diversa e lo stesso discorso vale anche per gli insediamenti dei Map, ovvero i moduli abitativi provvisori. Spesso le nuove fogne si allacciano alle condotte preesistenti, a loro volta prive di adeguati impianti di depurazione».
«Così in Abruzzo», denuncia ancora Angelo Venti, «l'emergenza del terremoto si è aggiunta a un'altra già preesistente, quella ambientale del fiume Aterno, il cui bacino è da sempre assediato dagli scarichi fuori norma di molti paesi, nuclei industriali e persino della Facoltà di ingegneria ambientale dell'Università dell'Aquila».
Proprio per “fronteggiare la crisi di natura socio-economico-ambientale determinatasi nell'asta fluviale del bacino del fiume Aterno”, il 9 marzo 2006, la Protezione civile era intervenuta con l'emanazione della Ordinanza del Consiglio 3504 e con la nomina di un Commissario delegato, l'architetto Adriano Goio.




«MANCA L'ALLACCIO CON I DEPURATORI»

Nei giorni immediatamente successivi al terremoto, dunque tre anni dopo l'ordinanza di Goio, risultavano aperti solo alcuni cantieri per la realizzazione di depuratori, come quelli di Bazzano e Fossa, ma nessuno di loro sembra ancora in funzione.
«Risulta che alcuni altri interventi parziali», spiega Venti, «sono stati finora eseguiti sulle condotte fognarie preesistenti, ma dalle nostre ricognizioni tali condotte non risultano ancora completate o allacciate a depuratori».
Il caso del depuratore di Bazzano - inizio lavori gennaio 2009 e ultimazione prevista per il 21 gennaio 2010 - è emblematico.
Come racconta Primo Di Nicola su L'espresso lo stesso sarebbe stato ultimato in fretta e furia proprio per consentire a Berlusconi di presentare gli alloggi del quartiere simbolo di Bazzano il 29 settembre scorso, giorno del suo compleanno.
«Ma lo stesso depuratore», denunciano ancora da Libera, «si presenta come ultimato ma non attivo - pare - solo per i ritardi dell'Enel che da 7 mesi ancora non fornisce l'energia elettrica».
«Ciononostante - si legge nell'articolo - il consorzio Forcase incaricato da Bertolaso di realizzare le abitazioni dei terremotati ha iniziato a scaricare senza preavviso nella condotta del depuratore. Morale: Goio ha chiuso con dei palloni l'accesso all'impianto e solo per carità di patria, per non creare altri dispiaceri ai terremotati bisognosi di quegli alloggi, ha autorizzato il consorzio a scaricare la fogna direttamente nel fiume. Solo negli ultimi giorni Goio ha autorizzato la reimmissione della fogna nel depuratore, che però continua a non funzionare».



LIQUAMI DRITTI DRITTI NEL FIUME

«A tal proposito», prosegue Venti, «precisiamo che nell'ultimo nostro sopralluogo effettuato ieri pomeriggio, i liquami del quartiere di Bazzano continuavano a essere scaricati, sempre senza depurazione, direttamente nel fiume Aterno».
L'associazione Libera, anche alla luce delle precedenti inchieste e delle notizie che stanno emergendo dall'inchiesta della Procura di Firenze sulle modalità operative del Dipartimento di Protezione civile, pone alcune domande anche sul tema dell'emergenza inquinamento del fiume Aterno.
«Chiediamo di sapere - dopo 4 anni e nonostante il ricorso agli ampi poteri previsti dalla decretazione d'urgenza - a che punto sono i lavori per l'emergenza Aterno, quando si prevede la loro ultimazione, quanto è costato finora tale commissariamento, quali sono le ditte impegnate nei lavori, quali sono le modalità di assegnazione di incarichi e appalti».
Ieri mattina, su questo tema, è stata presentata una interrogazione parlamentare e altre interrogazioni sono state preannunciate da consiglieri regionali.
Nelle ultime ore, infine, pare che l'Enel si sia decisa ad allacciare l'energia elettrica al depuratore di Bazzano mentre, contemporaneamente si registra una accelerazione dei lavori sulle condutture delle fognature.


13/02/2010 8.53

CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK


[pagebreak]

CONTRIBUTI A IMPRESE, GUARDA L'ELENCO DEGLI AVENTI DIRITTO

L'AQUILA. Quattordici società di costruzioni sono state ammesse al contributo previsto dall'ordinanza del presidente del Consiglio dei ministri n. 3789/2009 per il completamento di immobili da mettere in vendita o in affitto (alle condizioni previste dalla Protezione civile) a vantaggio dei senza tetto.
L'intervento messo in atto o in corso di realizzazione da parte di queste imprese riguarda 223 alloggi.
Non appena avrà a disposizione dallo Stato le somme necessarie, il servizio Emergenza e Ricostruzione del Comune dell'Aquila – che ha redatto la tabella degli aventi diritto, visibile nel documento che pubblichiamo qui sotto– provvederà alla liquidazione delle richieste di queste di ditte, per complessivi 5 milioni e 300mila euro.
In questo senso, il sindaco Massimo Cialente ha richiesto un anticipo delle somme per l'erogazione dei contributi previsti dall'ordinanza in questione, sia per le imprese, che per le attività produttive, che per gli indennizzi per i beni dei privati danneggiati dal sisma del 6 aprile.
Prima di confermare la liquidazione delle somme previste alle società ammesse al beneficio, il Comune verificherà il rispetto delle condizioni previste dall'ordinanza, vale a dire la proposta di vendita o di affitto in favore di chi ha l'abitazione principale distrutta o resa inagibile in seguito al terremoto.
Vale a dire, a vantaggio degli stessi nuclei familiari che potrebbero chiedere il contributo per l'autonoma sistemazione, utile per sostenere gli oneri della locazione.
In caso di affitto, le condizioni sono quelle previste dall'ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri n. 3769/2009, che prevede canoni mensili pari a 400 euro per immobili locati a nuclei da 1 o 2 persone, 500 euro per case affittate a nuclei da 3 persone, 600 euro a nuclei da 4, 800 euro a nuclei da 5 persone in su.

PAGAMENTO AUTONOMA SISTEMAZIONE MESE DI DICEMBRE
Intanto è in pagamento il contributo di autonoma sistemazione relativo al mese di dicembre 2009, comprensivo di eventuali conguagli.
Lo ha reso noto il servizio di Assistenza e Politiche abitative del Comune del'Aquila.
Per coloro che hanno richiesto il bonifico, le somme saranno accreditate sul conto corrente indicato, mentre chi ha chiesto il pagamento diretto potrà ritirare gli importi previsti in una qualsiasi agenzia o filiale della Carispaq.
Il Sed spa e gli uffici comunali competenti stanno invece completando l'elaborazione dell'elenco degli aventi diritto all'autonoma sistemazione per il mese di gennaio 2010.

13/02/2010 10.22