La preoccupazione di Pelino (Pdl): «allarmante la situazione post sisma»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2764

SULMONA. La relazione sulla situazione occupazionale nelle zone colpite dal sisma del sei aprile risulta essere allarmante. * RIAPERTO A L'AQUILA PRIMO TRATTO VIA STRINELLA ALL'AQUILA * PRESTO ANCHE LA PROVINCIA AVRÀ UNA NUOVA SEDE * DAL PARLAMENTO 1,6 MLN DI EURO PER LA RICOSTRUZIONE
Questa, la riflessione dell'onorevole Paola Pelino, al termine della seduta di ieri della Commissione Lavoro.
La parlamentare abruzzese, fornendo i dati della relazione presentata nel pomeriggio «assicura l'impegno del Governo per la rinascita dell'Abruzzo e della Provincia dell'Aquila» ricordando lo stanziamento di 55 milioni di euro erogato in deroga alla normativa vigente a favore dei lavoratori.
E poi ancora la proroga dell'indennità ordinaria di disoccupazione e l'indennizzo in favore dei collaboratori coordinati e continuativi.
Il Governo, ha inoltre deciso, di realizzare il progetto dei Poli Logistici integrati attraverso la realizzazione della Casa del Welfare dell'Aquila (già stanziati 4 milioni di euro per il 2010) che consolida in un'unica sede Inail, Inps e Inpdap.
«Si tratta di impegni importanti da parte del Governo -ha sottolineato Pelino -che assicura anche il potenziamento dell'attività sul territorio al fine di combattere fenomeni di illegalità. A tal proposito sono stati assunti dal ministero del Lavoro 11 nuovi ispettori per un totale di 117 ispettori in servizio nella regione».
Secondo i numeri forniti dalla parlamentare la perdita maggiore si registra in agricoltura, con un calo del 50 per cento: si e' passati da 26mila occupati nel 2008 a 13mila nello stesso periodo del 2009. anche se una flessione tendenziale dell'occupazione e' presente in tutti i settori: servizi, industria e agricoltura.
Le persone in cerca di occupazione, con o senza esperienza, sono pari a 42mila unità, cui corrisponde un tasso di disoccupazione pari all'8 per cento, che rispetto al secondo trimestre 2008 (7,1 per cento) ha registrato un aumento dello 0,9.
Gli effetti negativi del sisma, che in molti casi ha costretto le aziende a sospendere l'attività economica hanno determinato pertanto un ulteriore peggioramento del tasso di disoccupazione rispetto al dato nazionale, ove si registra una crescita pari allo 0,7 per cento in conseguenza della crisi economica.
I contratti di lavoro ammontavano a circa 25mila, dato che nell'aprile 2009 subisce una netta diminuzione, attestandosi a poco più di 16mila.
Analogo andamento si registra in riferimento al dato dei lavoratori attivati. Registrano un aumento negli ultimi mesi del 2009, rispetto agli stessi mesi del 2008, le cessazioni dei rapporti di lavoro. In aumento, invece, il settore edilizio, con 1503 lavoratori (di cui 1048 con contratto a tempo indeterminato).

11/11/2009 8.50

[pagebreak]

RIAPERTO A L'AQUILA PRIMO TRATTO VIA STRINELLA ALL'AQUILA


L'AQUILA. E' stato riaperto all'Aquila il primo tratto di via Strinella, quello prospiciente il palazzo della Questura fino all'incrocio con via Pescara.
Il provvedimento è stato adottato in seguito a una delibera di giunta comunale.
La chiusura di quel tratto di strada si era resa necessaria per consentire la disposizione dei mezzi di Polizia di Stato, vista l'inagibilità dei locali della Questura, per consentire la tempestività degli interventi e la necessaria agibilità di manovra in relazione all'emergenza.
In questo modo via Strinella torna completante percorribile e via Pescara, nel tratto compreso tra via Strinella e via Panella, è stato ripristinato a senso unico a salire. «Colgo l'occasione per ringraziare tutto il corpo di Polizia - ha dichiarato il sindaco dell'Aquila Massimo Cialente - per l'impegno assicurato in favore della popolazione aquilana fin dalle prime ore dopo il sisma. La realizzazione della rotatoria al Torrione, nell'area semaforica - ha proseguito il sindaco - consentirà un ulteriore snellimento del traffico nella zona, decongestionando l'asse del viale della Croce Rossa, con conseguente adeguamento della viabilità in quella che è ormai un'arteria cruciale per la mobilità cittadina».

ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER LA CASA?

Intanto ieri il capo della protezione civile Guido Bertolaso ha detto che da tempo si sta pensando ad una legge sulla obbligatorietà dell'assicurazione sulla casa.
Bertolaso ha partecipato all'incontro sul "Ruolo delle assicurazioni nelle catastrofi" insieme al vicesegretario delle Nazioni Unite per la riduzione del rischio calamità naturali, Margareta Wahlstrom, del presidente dell'associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (Ania), Fabio Cerchiai e al presidente dell'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private (Isvap), Giancarlo Giannini.
«In effetti in alcune leggi finanziarie - ha aggiunto Bertolaso - l'ipotesi di un meccanismo assicurativo e' anche passato, ma sempre su base volontaria e con un meccanismo complicato, per non dire farraginoso, con dei rinvii a dei regolamenti che non sono stati adottati e che non voglio neppure dire per quale ragione. Dopo il 6 di aprile e' esplosa con tutta la sua importanza questa problematica. Noi - ha concluso - abbiamo anche predisposto una ipotesi di strumento legislativo che abbiamo sottoposto all'attenzione del Governo e adesso aspettiamo di conoscere quelle che sono le idee e le risposte dei ministeri competenti».

11/11/2009 8.50

[pagebreak]

PRESTO ANCHE LA PROVINCIA AVRÀ UNA NUOVA SEDE

L'AQUILA. Presto anche la Provincia dell'Aquila avrà una nuova sede.
Grazie al protocollo d'intesa siglato oggi tra la Provincia dell'Aquila, la Provincia di Perugia e l'Andil (Associazione nazionale degli Industriali dei Laterizi) sarà realizzata la sede unica dell'amministrazione provinciale.
Attualmente una parte degli uffici dell'Amministrazione è concentrata presso i container di “Verdeaqua”, donati dall'Unione Province Italiane.
Il nuovo stabile, destinato ad accogliere i circa 600 dipendenti dell'amministrazione, potrebbe sorgere nelle vicinanze della sede che ospitava fino al 6 aprile l'assessorato all'Ambiente, nei pressi della stazione ferroviaria dell'Aquila. Non si esclude tuttavia la possibilità di individuare anche altre aree, attraverso una procedura aperta.
«Prima del 6 aprile avevamo già individuato la sede unica della Provincia nello stabile di Pettino- ha commentato la presidente Pezzopane, che ha siglato l'accordo insieme all'assessore alla Protezione Civile della Provincia di Perugia Roberto Bertini e al presidente dell'Andil, Catervo Cangiotti- Dopo il terremoto lo stabile è tornato ad ospitare una scuola, il Liceo Classico, dal momento che era questa la priorità. Il protocollo odierno assume una rilevanza fondamentale anche perché la ricostruzione degli edifici pubblici deve avere un effetto trainante per la ricostruzione anche per altre realtà del capoluogo di regione».
In base all'accordo siglato, l'Andil collaborerà economicamente alla realizzazione dell'opera, il cui progetto esecutivo è atteso per i primi mesi del 2010. Le Province di L'Aquila e Perugia, invece, metteranno a disposizione i propri uffici tecnici per tutte le esigenze.
«Per questo progetto chiederemo la collaborazione anche di soggetti pubblici e privati Confindustria, ANCE, PMI delle rispettive aree provinciali e regionali- ha dichiarato l'assessore di Perugia, che ha ricordato come la Provincia da lui rappresentata è stata operativa dal primo momento dopo il sisma negli aiuti dati ad Onna- Mi auguro di poter tornar presto a L'Aquila per la posa della prima pietra».


11/11/2009 9.01

[pagebreak]

DAL PARLAMENTO 1,6 MLN DI EURO PER LA RICOSTRUZIONE

ABRUZZO. Un milione 67 mila 307 euro. E' l'ammontare della raccolta fondi da devolvere per la ricostruzione dell'Aquila promossa dalla presidenza della Camera dei Deputati, ottenuta dal contributo dei deputati, dei gruppi parlamentari, dei dipendenti e pensionati di Montecitorio.
La somma è stata consegnata questa mattina, nel corso di una cerimonia che si è svolta nella Sala del Cavaliere di Montecitorio, dai questori della Camera Francesco Colucci, Antonio Mazocchi e Gabriele Albonetti.
A riceverla, la delegazione abruzzese composta dal presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, dal sindaco dell'Aquila, Massimo Cialente, dal sottosegretario Guido Bertolaso, dal vice commissario delegato per la tutela dei beni culturali, Luciano Marchetti e dal provveditore alle opere pubbliche, Guglielmi.
«Abbiamo voluto destinare le risorse raccolte alla città dell'Aquila», ha detto il questore Colucci, «per contribuire alla restituzione del patrimonio culturale non solo alle popolazioni colpite da sisma, ma anche a tutta la comunità nazionale e internazionale che guardano con grande attenzione a questa parte d'Italia».
La somma assegnata sarà utilizzata (900 mila euro) per il restauro del Palazzetto dei Nobili e la rimanente per contribuire al restauro della Torre e del Palazzo Madama Margherita, sede municipale.
«A distanza di sette mesi dal 6 aprile», ha detto Chiodi, «abbiamo superato con successo la fase strettamente emergenziale e vinto le difficili sfide di riaprire le scuole per 16 mila studenti, le facoltà universitarie e di dare un tetto a chi ne è rimasto senza: ma ci resta ancora tanta strada da fare perché le operazioni di ricostruzione sono lunghe, complesse e costose, trattandosi di una città, come L'Aquila, che si colloca tra le prime cinque città italiane per quantità del patrimonio storico e culturale raccolto all'interno del centro storico, che più di orni altra parte, ha subito gli effetti del terremoto».
Parlando del centro storico, il sindaco dell'Aquila, Cialente, ha detto che l'80 per centro degli edifici sono distrutti o gravemente danneggiati e il rimanente 20 per cento necessita di lavori di ripristino molto importanti.

11/11/2009 9.12