Terremoto, agevolazioni agli enti locali nel cratere

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2653

L'AQUILA. Un supporto istituzionale agli enti locali, per rafforzarne la capacità amministrativa dopo che il terremoto del 6 aprile scorso ha messo in evidenza le criticità in cui si imbattono ogni giorno i Comuni di piccoli dimensioni.
Lo ha detto l'assessore agli Enti locali e bilancio, Carlo Masci, intervenendo questa mattina, all'Aquila, all'incontro su "Rinegoziazione dei prestiti concessi da CDP agli Enti colpiti dal sisma del 6 aprile 2009", organizzato da Cassa depositi e prestiti (CDP), in collaborazione con l'assessorato della Regione, alla presenza, tra gli altri, del responsabile finanziamenti agli enti locali, Angelo Mariano e del Presidente Anci Abruzzo, Antonio Centi.
Un'iniziativa per illustrare agli Enti locali come usufruire degli interventi agevolativi previsti dalla Cassa depositi e prestiti, in linea con le norme emanate dopo il sisma.
«Gli enti locali - ha aggiunto l'assessore Masci - presentano una situazione molto critica. Hanno difficoltà finanziarie crescenti e non dispongono, molto spesso, neppure di strutture idonee allo svolgimento della loro attività. Ci siamo chiesti, dunque, come affiancarli istituzionalmente per superare questi problemi. A questa domanda abbiamo ritenuto di poter dare una sia pur iniziale risposta prevedendo varie iniziative, finanziate con risorse del PAR FAS 2007-2013, che vanno in un'unica direzione: migliorare la competenza amministrativa e la qualità dei servizi, accrescendo la capacità progettuale degli enti locali anche per aumentare la capacità di reperire risorse statali o europee. La Regione, inoltre - ha concluso - promuoverà una politica di sostegno alle forme associative per la costituzione, ad esempio, di Uffici unici per la gestione dei servizi, di sportelli associati per le attività produttive, rafforzando le capacità operative delle strutture esistenti ed elaborando progetti di innovazione e ricerca».
L'operazione presentata oggi che riguarda in totale 61 enti, consiste nel rinegoziare i mutui contratti con Cassa tramite l'allungamento della durata residua e la riduzione dell'importo delle rate di ammortamento: in particolare, l'Ente potrà prolungare il periodo di ammortamento a tasso fisso di ogni mutuo a 30, 40 o 50 anni, a partire dal 1 gennaio 2010.

PRIMO ELENCO BENEFICIARI CONTRIBUTO DEFINITIVO

Intanto il Comune dell'Aquila ha predisposto un primo elenco di comunicazioni di concessione del contributo definitivo, per coloro che hanno fatto richiesta di finanziamento per la riparazione dei fabbricati classificati B o C, in seguito al sisma del 6 aprile. Sul sito internet www.comune.laquila.it e' pubblicato l'elenco dei beneficiari (su indicazione dell'area Sisma), i quali possono ritirare la documentazione prevista negli uffici del servizio Emergenza e Ricostruzione, situato nella palazzina C2 all'interno della scuola Ispettori e Soprintendenti della Guardia di finanza (Coppito), aperto dal lunedi' al giovedi', dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 17,30; il venerdi' dalle 9 alle 13.

DUBBI E RISPOSTE SUL SITO DELLA PROTEZIONE CIVILE

Sul sito della Protezione civile sono state pubblicate risposte a domande frequenti dei cittadini del Comune dell'Aquila, elaborate dal Dipartimento e dal Comune, che forniscono chiarimenti sui contributi per la riparazione, la ricostruzione e l'acquisto di immobili, la riparazione di immobili di società dati in affitto, le problematiche connesse alle cooperative edilizie, la possibilità di cumulare i contributi per la riparazione della abitazione principale e unità immobiliari diverse, le pertinenze, le spese per i traslochi, gli esiti di agibilità, il procedimento di esame per la concessione dei contributi, gli indennizzi e gli effetti della dichiarazione di agibilità in corso d'opera.

TRANSCOM: ARRIVANO AMMORTIZZATORI IN DEROGA


Per i 276 lavoratori della Transcom un anno di contributi e vantaggi fiscali per ricollocarsi nel mondo del lavoro.
Potranno usufruire di un anno di ammortizzatori sociali in deroga ed essere ricollocati presso aziende terze con i vantaggi fiscali del caso i 276 lavoratori della Transcom.
Questi i punti salienti dell'accordo siglato questa mattina a Roma presso il Ministero del Welfare fra la multinazionale e i sindacati, alla presenza dei rappresentati dell'assessorato al Lavoro della Regione Abruzzo e della Provincia dell'Aquila.
«Ringrazio per la fattiva disponibilità il sottosegretario Pasquale Viespoli, che ho investito personalmente del caso - ha dichiarato l'assessore Gatti - e che è risultato decisivo ai fini della felice risoluzione della controversia. Oggi si è sbloccata in modo positivo una importante vertenza: l'accordo garantisce, infatti, un futuro più sereno a 276 famiglie che, oltre alla certezza di un anno di protezione economica, hanno maggiori opportunità per una rapida ricollocazione lavorativa».

CGIL: «IL TRAFFICO FRENA LA RIPRESA»

La Segreteria della Cgil dell'Aquila è fortemente preoccupata per quanto attiene alla mobilità dentro e fuori la città. Basti pensare che per entrare e uscire dal capoluogo, nelle maggiori arterie o all'altezza delle uscite autostradali, il più delle volte si impiega addirittura un'ora.
Tale fenomeno sta creando seri problemi e rischia di scoraggiare la frequentazione della città sia di chi è obbligato a venire all'Aquila per motivi di lavoro e di studio, sia di chi decide liberamente di recarsi in città.
«Vanno inoltre realizzati», prosegue la segreteria provinciale, «interventi urgenti per il miglioramento della viabilità nei pressi delle facoltà universitarie, attivando da subito le corse gratuite riservate agli studenti fuorisede dell'Ateneo aquilano. Allo stesso modo vanno rapidamente conclusi i lavori in corso, alcuni dei quali procedono troppo a rilento quando non sembrano addirittura essersi fermati».
Per queste ragioni la Cgil chiede che venga convocato un tavolo istituzionale con la partecipazione del Comune, della Provincia, della Regione, dell'Anas, dell'Ama e dell'Arpa al fine di risolvere rapidamente tutti i problemi riguardanti la mobilità del capoluogo.

09/11/2009 16.17